Eso Società Benefit Arl, società specializzata nella gestione rifiuti

Come i più poveri tra i poveri favoriscono la sostenibilità

20/04/2018

popolazioni indigene salvano il pianeta

Le popolazioni indigene sono tra le più povere, ma hanno la fortuna di essere amministratrici delle ultime foreste del mondo e, secondo un rapporto, mitigano gli impatti dei cambiamenti climatici. Come possiamo proteggerle?

Nel distretto di Lamjung, capitale nepalese di Kathmandu, una comunità indigena di 4.000 persone sta pazientemente iscrivendo il nome di ogni albero, pianta, erba e fiore in un libro dei record per monitorare la crescita e il declino di queste specie.

Queste piante forniscono le materie prime necessarie per l’utilizzo nella medicina erboristica, nella tessitura tradizionale e nelle industrie di intaglio del legno, settori di impiego importanti per una comunità in cui il 17% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà e il guadagno medio a persona è di $ 1.186 all'anno .

Questo censimento, che viene fatto una volta ogni due anni, è uno dei progetti sostenibili di sussistenza nel distretto di Lamjung, recentemente presentato in un rapporto pubblicato da Tebtebba Foundation, un'organizzazione internazionale senza scopo di lucro incentrata sulla ricerca politica e l'educazione alle popolazioni indigene.

Il rapporto mostra come i mezzi di sostentamento tradizionali (a basso tenore di carbonio e rispettosi del clima) di 14 comunità indigene in America Latina, Africa e Asia stiano favorendo la costruzione della “resilienza ai cambiamenti climatici”: vivere in modo tradizionale contribuisce alla crescita di foreste più sane e quindi in grado di assorbire più carbonio dall’atmosfera di quanto non ne liberino.

"Ma tali stili di vita sono minacciati a causa di una combinazione tra tecnologia moderna e un programma scolastico che esclude l'insegnamento delle culture tradizionali e la migrazione di giovani e famiglie nelle città vicine che promettono migliori opportunità di lavoro - ha affermato Pasang Dolma Sherpa, Direttore esecutivo del Centro senza scopo di lucro di Kathmandu per la Ricerca e lo Sviluppo dei Popoli Indigeni (CIPRED)."

In un'intervista a Eco-Business, Sherpa ha affermato che senza mezzi di sostentamento tradizionali, le popolazioni indigene potrebbero essere spinte verso la povertà estrema e costrette a rivolgersi ad attività insostenibili come il disboscamento illegale per vivere.

Secondo la Banca Mondiale, ci sono circa 370 milioni di persone indigene in 90 paesi. Rappresentano solo il 5% della popolazione mondiale, ma costituiscono il 15% dei più poveri del mondo e un terzo dei poveri delle aree rurali.

Anche le popolazioni indigene vivono, possiedono e occupano circa un quarto delle terre e delle acque del mondo, aree che contengono l'80% della biodiversità mondiale.

Ecco perché il CIPRED, insieme ad altri gruppi di popoli indigeni, sta promuovendo i mezzi di sostentamento tradizionali per consentire alle comunità di continuare queste pratiche e di raccontare le proprie storie attraverso pubblicazioni, forum e altre piattaforme.

A parte il successo del lavoro del CIPRED a Lamjung, il rapporto evidenzia anche altri esempi di gruppi che lavorano per preservare gli stili di vita indigeni, come l’Initut Dayakologi dell’Indonesia. L'organizzazione no-profit lavora per rilanciare l'identità e la cultura Dayak implementando una gestione forestale tradizionale sostenibile nella reggenza di Ketapang, consentendo loro di difendere i domini ancestrali dalle operazioni di estrazione.

Un'altra comunità di popoli indigeni descritta nel rapporto è l’ILEPA del Kenya, o partner di miglioramento delle risorse naturali indigene. Aiuta i pastori nomadi ad acquisire diritti all'autodeterminazione e al riconoscimento del governo per i significativi benefici economici ed ecologici che forniscono al paese.

L'Amministratore Easter Kinyua ha affermato che l’ILEPA informa le popolazioni indigene circa i propri diritti legali e sulle leggi internazionali che salvaguardano questi diritti.

Pur contribuendo il meno possibile al problema globale del cambiamento climatico, le popolazioni indigene continuano a essere le più vulnerabili ai suoi impatti. Tuttavia, servono come “amministratori” delle ultime foreste del mondo alle quali i loro mezzi di sostentamento sono intrinsecamente legati, come afferma il rapporto di Tebtebba.

In questo contesto, la costruzione di grandi progetti idroelettrici ed eolici, con l'apparenza di generare energie rinnovabili rispettose del clima, può violare i diritti delle popolazioni indigene, sconvolgere l'equilibrio ecologico nelle loro comunità e influenzare il loro modo di vivere. Questo è vero nel caso del distretto di Lamjung, che è collegato al fiume Marshyangdi, dove sono in costruzione non meno di 20 progetti idroelettrici, secondo quanto dichiara Sherpa.

"Spaccano le montagne. Le scimmie prima erano felici sulle sponde del fiume, ma a causa del rumore causato dalle esplosioni, le popolazioni indigene ora si trovano a lottare per proteggere le loro fattorie dalle scimmie che hanno iniziato un’invasione dei loro spazi. I progetti di energia idroelettrica devono essere realizzati in modo tale da non avere impatti negativi sulle persone che vivono lì da generazioni", ha affermato Sherpa.
Il relatore speciale delle Nazioni Unite per i diritti delle popolazioni indigene, Victoria Tauli-Corpuz, in una precedente intervista con Eco-Business, aveva sottolineato che vi sono sviluppatori di progetti che non ottengono il consenso libero e informato delle comunità prima di procedere.

"Questi progetti, se non affrontati dal punto di vista dei diritti umani, non sono sostenibili a lungo termine", ha dichiarato Victoria Tauli-Corpuz.

 

Nunzia Vallozzi

Ufficio Stampa Web - ESO

 

Photo credits e fonte: Eco-Business

Torna all'elenco delle news

Eso contatti

  • Via Giuseppe Ungaretti 27
    | 20090 OPERA MI

  • T (+39)02.530.111 R.A.
    F (+39)02.530.11.209

  • info@eso.it

Numeri verdi

  • Assistenza tecnica
  • informazioni commerciali
  • Servizio prese

Dati fiscali

  • Società Benefit arl
    Capitale Sociale Euro 300.000,00

  • P.IVA IT 13288930152 - C.F. 13288930152
    R.E.A. 1636344

  • PEC info@pec.esoweb.it

Iscrizioni albo

  • Iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali
    Sezione Regione Lombardia - Iscrizione n° MI31797
    Iscritto all'Albo Nazionale per il Trasporto Conto Terzi
    Iscrizione n° MI-0884798-E.

Certificazioni

certificazione ido 9001 + 14001 certificazione 18001 + ohsas
certificazioni it