Eso Società Benefit Arl, società specializzata nella gestione rifiuti

I colpi all’ambiente di Donald Trump non frenano l'economia verde globale

07/09/2018

trump colpi ambiente

Trump ha consegnato al settore dei combustibili fossili un altro regalo, riducendo le leggi sul carbone. Nonostante tali azioni, gli esperti affermano che l'economia verde globale continuerà a crescere

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ancora una volta dato un colpo all'ambiente. Questa volta, ha sostituito le rigide regole del carbone dell'era di Obama con la sua regola per l'energia pulita accessibile (ACE), che consentirebbe agli stati piuttosto che al governo federale un maggiore controllo sulla regolazione delle centrali a carbone.

L'Agenzia per la Protezione Ambientale (EPA) degli Stati Uniti ha dichiarato che la proposta soddisferà l'obiettivo di Trump di "dominare l'energia" creando nuovi posti di lavoro e stimolando l'economia statunitense a 400 milioni di dollari all'anno (345 milioni di euro). Ma l'EPA ammette che il piano potrebbe portare a 1.400 morti premature aggiuntive all'anno entro il 2030 a causa dell'inquinamento atmosferico. E questo non include gli effetti dei cambiamenti climatici derivanti da maggiori emissioni.

Il più recente colpo all’ambiente di Trump segue a una serie di azioni già avvenute, come il ritiro a giugno 2017 dall'Accordo sul clima di Parigi, la rimozione delle espressioni "cambiamenti climatici" e "riscaldamento globale" dai siti web governativi.

Ma nonostante tali sforzi, gli esperti affermano che il mercato globale continua a prendere una piega sempre più verde grazie all'espansione dell'energia pulita e agli investimenti socialmente e ambientalmente responsabili.

L'energia pulita diventa mainstream

Farzana Hoque, Consulente di Ricerca e Comunicazione per il Forum degli Stati Uniti per gli investimenti sostenibili e responsabili (US SIF), ha affermato che la tendenza sta diventando evidente negli Stati Uniti nonostante l'impegno di Trump a porre fine alla "guerra al carbone". Gli investimenti che affrontano i fattori di cambiamento climatico sono aumentati di più di cinque volte tra il 2014 e il 2016.

Le industrie del solare e del vento impiegano circa 10 volte più persone delle aziende minerarie del carbone negli Stati Uniti.

Il SIF americano, che ha iniziato a seguire il disinvestimento dei combustibili fossili nel 2014 quando è diventato una tendenza evidente, ha rilevato che "gli investitori hanno ampliato le loro politiche di disinvestimento o adottato le restrizioni sui combustibili fossili" in larga misura. Le attività che limitano gli investimenti in combustibili fossili sono aumentate di quasi dieci volte.

Nel gennaio 2018, New York City ha annunciato che avrebbe ripulito dai combustibili fossili il suo fondo pensione pubblico multimiliardario in dollari USA nei prossimi cinque anni. Si tratta di un’azione di notevole importanza nell'ondata in corso della dismissione globale dai combustibili fossili.

Investimenti che rispettano l'ambiente

Nel giugno 2018, Goldman Sachs Asset Management, con sede negli Stati Uniti, ha lanciato un fondo azionario JUST che investe in società statunitensi che danno priorità a salari equi per lavoratori, donazioni caritatevoli e aziende che producono basse emissioni di gas serra.

Il fondo JUST ha concluso il suo primo giorno di trading con oltre $ 250 milioni di asset, diventando il lancio di maggior successo nel suo genere nella storia, rafforzando la fiducia degli investitori.

"Molti investitori considerano l’etica aziendale per investire in energia pulita; anche se l'amministrazione Trump ha ritirato le normative ambientali, le imprese e le altre entità si sono impegnate a ridurre le emissioni di carbonio", ha detto Hoque.

Altre società ed entità in tutto il mondo stanno aumentando l'importanza dei fattori ambientali e sociali nei loro portafogli.

La più grande banca europea, la HSBC, ha vietato il finanziamento di nuove centrali a carbone in diversi paesi e ha anche ridotto i finanziamenti per nuovi progetti di petrolio e gas offshore nell'Artico.

Il Giappone ha annunciato lo scorso anno la volontà di triplicare i fattori ambientali, sociali e di governance nel suo fondo di investimento pensionistico governativo, destinando la sua quota di capitale dal 3 al 10%. Il Giappone ha il fondo più grande del mondo, pari a circa 1,3 trilioni di dollari.

Il vantaggio dell'UE sull'economia pulita

L'Unione europea ha recentemente aumentato il proprio impegno a ridurre le emissioni di gas serra del 45% entro il 2030. Inoltre, entro il medesimo termine, intende produrre il 27% della sua energia da fonti rinnovabili.

Secondo un recente rapporto di Carbon Tracker, il prezzo del carbonio nell'UE potrebbe salire a circa 25 euro entro la fine del 2018. Entro la fine del 2023, i prezzi potrebbero persino superare i 35 euro.

Si prevede che il markup cambi il modo in cui la Germania e altri paesi dell'UE consumano energia, rendendo più economicamente fattibile il passaggio dal carbone a forme di energia più pulite di fronte ai cambiamenti climatici.

"L'Europa si sta muovendo per ottenere il giusto prezzo attraverso imposte e misure che riflettano i costi reali", ha affermato Colin Vance, Vicedirettore della sezione ambiente e risorse dell'Istituto Leibniz per la ricerca economica in Germania.

 

Nunzia Vallozzi

Ufficio Stampa Web - ESO

 

Fonte e photo credits: DW Academie

Torna all'elenco delle news

Eso contatti

  • Via Giuseppe Ungaretti 27
    | 20090 OPERA MI

  • T (+39)02.530.111 R.A.
    F (+39)02.530.11.209

  • info@eso.it

Numeri verdi

  • Assistenza tecnica
  • informazioni commerciali
  • Servizio prese

Dati fiscali

  • Società Benefit arl
    Capitale Sociale Euro 300.000,00

  • P.IVA IT 13288930152 - C.F. 13288930152
    R.E.A. 1636344

  • PEC info@pec.esoweb.it

Iscrizioni albo

  • Iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali
    Iscrizione n° MI31797 - Sezione Regione Lombardia

    Iscritto all'Albo Nazionale per il Trasporto Conto Terzi
    Iscrizione n° MI-0884798-E.

Certificazioni

certificazione ido 9001 + 14001 certificazione 18001 + ohsas
certificazioni it