Eso Società Benefit Arl, società specializzata nella gestione rifiuti

Riscaldamento globale: Paesi ONU riuniti in Corea per approvare il rapporto dell'IPCC

05/10/2018

Riscaldamento globale

Dal 1 ottobre è in corso a Incheon, Corea del Sud, una riunione dei governi dei paesi ONU per approvare il rapporto scientifico che dovrà indicare le azioni da mettere in atto per mantenere il riscaldamento globale entro il limite di 1,5° C rispetto ai livelli preindustriali. Il rapporto è stato prodotto dall'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), il Panel delle Nazioni Unite incaricato di fornire valutazioni scientifiche in materia di cambiamento climatico. La riunione si concluderà il 5 ottobre e il rapporto IPCC sarà pubblicato lunedì 8 ottobre (ore 3 di notte in Italia, ore 10 di mattina in Corea).

È probabile che si riveli essere la relazione più critica e controversa sui cambiamenti climatici degli ultimi anni. Vediamo perché.

Il mondo ha già superato un grado di riscaldamento poiché le emissioni di carbonio sono aumentate vertiginosamente dal 1850. Si dice che molti paesi al di sotto del livello del mare potrebbero scomparire se il limite di 1,5° C venisse violato. Il nuovo rapporto sui cambiamenti climatici probabilmente affermerà che per non superare questo limite sarà necessaria un'azione urgente e drammatica da parte di governi e cittadini.

Quando nel dicembre 2015 è stato firmato l'accordo sul clima di Parigi, molti delegati convennero che l'obiettivo a lungo termine del patto sarebbe dovuto essere quello di mantenere le temperature globali ben al di sotto dei 2° C rispetto ai livelli preindustriali, perpetuando gli sforzi per mantenere il riscaldamento globale entro il limite di 1,5°. Per esaminare le azioni e gli impatti di questa sfida, l'ONU ha chiesto all'IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) di produrre un rapporto speciale, che l'organismo scientifico ha consegnato in tempo record.

Questa settimana a Incheon, gli scienziati e i delegati dei governi stanno tirando le somme di questo rapporto attraverso la produzione di un breve riassunto finale di 15 pagine per i responsabili delle politiche ambientali. Ciò sarà fatto parola per parola, per garantire che tutti, scienziati e governi, siano d'accordo sul testo.

Perché questo rapporto è importante?

Il rapporto fungerà da guida per i governi che prenderanno decisioni su come sviluppare le loro economie di fronte all'aumento delle temperature nei prossimi decenni. "Le decisioni che prendiamo ora di fronte al tema dell’aumento delle temperature globali, cambieranno enormemente il mondo", ha detto a BBC News Heleen de Coninck, uno degli autori principali e coordinatori del rapporto. In questo momento, il riscaldamento della terra ha superato di un grado le temperature globali che si sono verificate intorno al 1850, prima dell'industrializzazione diffusa. Le bozze trapelate del nuovo rapporto suggeriscono che il riscaldamento globale è sulla buona strada per violare il limite di 1,5° C intorno al 2040. Questa è una pessima notizia per gli stati insulari a bassa quota e per alcuni dei paesi meno sviluppati al mondo: un riscaldamento globale, oltre al limite di 1,5° C, causerà l'innalzamento del livello del mare, minacciando la sopravvivenza delle specie viventi.

Come funziona l'IPCC?

L'IPCC esiste da 30 anni e produce valutazioni dettagliate dello stato del clima ogni sei o sette anni. Questo rapporto speciale ha richiesto quasi tre anni di lavoro. Gli autori sono scienziati nominati da governi e istituzioni internazionali. In questo caso, ci sono 86 autori principali da 39 paesi, di cui il 39% è costituito da donne.
Questi ricercatori hanno esaminato la letteratura scientifica disponibile sulla fattibilità, gli impatti e i costi di permanenza sotto il limite di 1.5° C. Hanno quindi messo insieme le bozze delle versioni del loro rapporto, dopo aver esaminato circa 6.000 riferimenti. Queste bozze di rapporto sono state inviate ad altri esperti e governi per la revisione. In totale, questo rapporto ha avuto oltre 40.000 commenti e revisioni.
Poiché sono state coinvolte così tante persone e tutti questi commenti e revisioni sono stati presi in considerazione, l'IPCC ha la reputazione di essere piuttosto prudente, producendo rapporti che hanno un consenso molto ampio. Gli esponenti coinvolti dicono che la vasta gamma di letteratura e il gran numero di autori coinvolti è il punto di forza del rapporto.
"Non basiamo i nostri rapporti su un singolo articolo che ha una conclusione estrema, che contrasta con la letteratura disponibile", ha detto Carolina Vera, membro dell'ufficio IPCC. "La visione collettiva della letteratura disponibile è il contributo più solido che possiamo fornire ai governi".

Allora perché questo rapporto è controverso?

Per alcuni scienziati, non c'è abbastanza tempo per intraprendere le azioni che manterrebbero l’aumento delle temperature globali entro il limite desiderato. "Se si guarda seriamente alla fattibilità, sembra che sarà molto difficile mantenere il limite a 1,5 ° C", ha affermato il Prof. Arthur Petersen, dell'Università di Londra ed ex membro dell'IPCC. Inoltre, per alcuni paesi, soprattutto per i maggiori esportatori di combustibili fossili, limitare in modo rapido le emissioni di carbonio è una sfida titanica. "La grande domanda in questo rapporto è: come possiamo soddisfare l’obiettivo dell’1,5° C? Cosa serve?", così si è interrogato Kaisa Kosonen di Greenpeace. "Per qualcuno è una questione di vita o di morte e vogliono che il messaggio sia chiaro; per altri, non c'è certezza scientifica."

Quale sarà la probabile raccomandazione del rapporto?

La sfida di mantenere le temperature inferiori è notevole. Ma, se l'obiettivo è accettato dai governi, è probabile che la relazione affermi che è possibile farlo, se però il mondo è disposto a fare passi, alcuni molto difficili.

È probabile che ciò comporti un'intensificazione dei tagli alle emissioni di CO2, un rapido passaggio alle energie rinnovabili e, molto probabilmente, l'impiego di tecnologie per aspirare i gas serra dall'aria. Quest'ultima opzione è considerata molto controversa.

È probabile che il rapporto evidenzi anche che lo stile di vita e le scelte alimentari possano fare una differenza significativa - ma non ci sono soluzioni semplici o economiche.
"Non c'è una risposta facile; la risposta è molto più complicata di quanto si pensi", ha affermato il Prof. Jim Skea, che co-presiede uno dei gruppi di lavoro dell'IPCC. "Ci sono elementi fisici, sociali e politici. Il rapporto, così come è definito, ci consente di affrontare questi problemi, ma una risposta chiara non credo ci sia e non è nemmeno ciò che ci è stato chiesto dai governi."

Chi è in realtà al comando: gli scienziati o i governi?

Ci sono state delle speculazioni sul fatto che gli scienziati siano stati costretti ad ammorbidire il contenuto del rapporto su alcune delle principali conclusioni. Quello che è successo è che ci sono stati cambiamenti notevoli tra diverse versioni di bozze del breve riassunto per i responsabili delle politiche, che sarà rilasciato ufficialmente lunedì 8 ottobre. Ciò ha portato alcuni critici a concludere che aspetti importanti vengono minimizzati per soddisfare gli interessi dei paesi con le principali industrie di combustibili fossili, come gli Stati Uniti, l'Arabia Saudita e l'Australia. Ma i membri dell'IPCC affermano che non permetteranno che le loro conclusioni vengano annacquate durante i prossimi giorni.
"Ciò che è veramente importante per il lavoro dell'IPCC è il rispetto per l'integrità e il rigore scientifico degli autori. Questo è al centro del lavoro del team degli autori", ha dichiarato Valérie Masson-Delmotte, co-presidente "Se qualcuno crede che i governi possano tirare per la giacca gli scienziati, significa che non sa come funziona la scienza!"
Le sessioni dell'IPCC sono chiuse dal pubblico, per consentire a governi e scienziati di parlare liberamente. I governi spesso cercano di apportare modifiche al testo: gli scienziati sono lì per garantire che, se vengono apportate modifiche, siano coerenti con la ricerca.

 

Nunzia Vallozzi

Ufficio Stampa Web - ESO

 

Fonte e photo credits: BBC NEWS

Torna all'elenco delle news

Eso contatti

  • Via Giuseppe Ungaretti 27
    | 20090 OPERA MI

  • T (+39)02.530.111 R.A.
    F (+39)02.530.11.209

  • info@eso.it

Numeri verdi

  • Assistenza tecnica
  • informazioni commerciali
  • Servizio prese

Dati fiscali

  • Società Benefit arl
    Capitale Sociale Euro 300.000,00

  • P.IVA IT 13288930152 - C.F. 13288930152
    R.E.A. 1636344

  • PEC info@pec.esoweb.it

Iscrizioni albo

  • Iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali
    Sezione Regione Lombardia - Iscrizione n° MI31797
    Iscritto all'Albo Nazionale per il Trasporto Conto Terzi
    Iscrizione n° MI-0884798-E.

Certificazioni

certificazione ido 9001 + 14001 certificazione 18001 + ohsas
certificazioni it