Eso Società Benefit Arl, società specializzata nella gestione rifiuti

Attribuzione del codice al rifiuto. Un’operazione decisiva per la corretta gestione del rifiuto

19/10/2018

codice cer

 

Organizzazione del deposito temporaneo, scelta dei fornitori, adempimenti documentali per la tracciabilità. Un’attività apparentemente banale è il fondamento sul quale si basa la gestione dei rifiuti prodotti dalle imprese.

di Paolo Pipere, Consulente giuridico ambientale

I codici identificativi del rifiuto, tradizionalmente indicati come codici CER (Catalogo Europeo dei Rifiuti) e più recentemente denominati EER (Elenco Europeo dei Rifiuti), sono stati concepiti fondamentalmente per uniformare le statistiche sui rifiuti a livello europeo.
Il tentativo è stato quello di associare alle principali attività economiche e ai singoli processi produttivi le tipologie di rifiuti più frequentemente prodotte con l’obiettivo di giungere ad acquisire dati sulla produzione, il trasporto entro i confini nazionali e le attività di recupero e smaltimento dei rifiuti. La struttura della “List of Waste” (LoW), la denominazione ufficiale dell’elenco, è però tale da prevedere che la tassonomia, oltre ad associare i rifiuti prodotti alle differenti attività economiche, consenta anche di acquisire informazioni sulle principali caratteristiche merceologiche degli stessi. Tutti i centri di ricerca ai quali la Commissione Europea ha richiesto di valutare l’opportunità di modificare la struttura dell’elenco hanno unanimemente confermato che l’attuale articolazione è inadatta a rappresentare la complessità del fenomeno. Con la Decisione 2014/955/UE, applicabile dal 1° giugno 2015, l’elenco in precedenza definito con la Decisione 2000/532/CE è stato però sostanzialmente confermato: solo tre nuove voci sono state aggiunte alle 839 precedentemente esistenti.

La sintassi del codice
I codici EER sono composti da tre coppie di cifre. Di norma, ma non è sempre vero, la prima coppia di cifre indica la macroattività economica che ha generato il rifiuto, per esempio: 06 - rifiuti dei processi chimici inorganici. La seconda coppia di cifre, di norma, individua il processo produttivo o l’attività economica dai quali il rifiuto decade, per esempio: 06 01 - rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di acidi. Infine, la terza coppia di cifre identifica la tipologia di rifiuti prodotta da quel processo o da quella attività: 06 01 01* - acido solforico e acido solforoso. L’asterisco segnala che quella voce dell’elenco è da classificare come rifiuto pericoloso.
Le eccezioni al principio generale sono costituite dalle classi 13 – Oli esauriti e residui di combustibili liquidi, 14 – Solventi organici, refrigeranti e propellenti di scarto - e 15 – Rifiuti di imballaggio, assorbenti, stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi, che considerano i rifiuti indipendentemente dal processo produttivo o dall’attività economica che li hanno generati. Si potrebbe definirle come classi trasversali ad ogni settore di attività economica.
La classe 16 è la classe residuale - Rifiuti non specificati altrimenti nell’elenco - e la 20 è riferita ai rifiuti urbani domestici e a quelli assimilabili prodotti dalle attività economiche.

Responsabilità del produttore
Il produttore del rifiuto è il soggetto al quale, assumendo che possieda tutte le informazioni sulla natura e la composizione del residuo, la legge assegna il difficile compito di attribuire il codice EER.
Nel nostro Paese i titoli abilitativi necessari a svolgere le attività di gestione dei rifiuti, fondamentalmente le iscrizioni all’Albo nazionale gestori ambientali e le autorizzazioni degli impianti di stoccaggio e trattamento, sono rilasciate sulla base della List of Waste.
Per questo motivo la corretta attribuzione del codice CER/EER al rifiuto prodotto è essenziale per individuare i fornitori dei servizi di trasporto e gestione. 
Un’adeguata codifica, inoltre, in molti casi consente di comprendere se il rifiuto deve essere classificato e gestito come pericoloso oppure come non pericoloso. In particolare, ciò è vero nei casi in cui si tratti di una voce “non pericolosa assoluta” (absolute non-hazardous entry) dell’elenco o di una voce “pericolosa assoluta” (absolute hazardous entry). Qualora al rifiuto possano essere attribuite “voci a specchio” (mirror entry), la scelta fra la voce a specchio pericolosa (mirror hazardous entry) e quella non pericolosa (mirror non- hazardous entry) dovrà essere effettuata considerando la concentrazione delle sostanze pericolose presenti nel rifiuto.

Adempimenti
L’adeguata attribuzione del codice al rifiuto, infine, è essenziale sia per individuare gli adempimenti documentali obbligatori sia per la corretta esecuzione degli stessi: compilazione dei formulari identificativi dei rifiuti, del registro di carico e scarico, del modello unico di dichiarazione ambientale (MUD), della scheda movimentazione e del registro cronologico SISTRI.
Un’operazione apparentemente di carattere burocratico amministrativo, spesso trascurata, è perciò essenziale per assicurare la corretta gestione, sostanziale e formale, dei rifiuti.

 

di Paolo Pipere, Consulente giuridico ambientale

 

Torna all'elenco delle news

Eso contatti

  • Via Giuseppe Ungaretti 27
    | 20090 OPERA MI

  • T (+39)02.530.111 R.A.
    F (+39)02.530.11.209

  • info@eso.it

Numeri verdi

  • Assistenza tecnica
  • informazioni commerciali
  • Servizio prese

Dati fiscali

  • Società Benefit arl
    Capitale Sociale Euro 300.000,00

  • P.IVA IT 13288930152 - C.F. 13288930152
    R.E.A. 1636344

  • PEC info@pec.esoweb.it

Iscrizioni albo

  • Iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali
    Sezione Regione Lombardia - Iscrizione n° MI31797
    Iscritto all'Albo Nazionale per il Trasporto Conto Terzi
    Iscrizione n° MI-0884798-E.

Certificazioni

certificazione ido 9001 + 14001 certificazione 18001 + ohsas
certificazioni it