Eso Società Benefit Arl, società specializzata nella gestione rifiuti

Riscaldamento globale: tutti i rischi del mezzo grado in più

19/10/2018

climate change 2254711 640

 

Nel corso del XIX secolo, la temperatura media globale è aumentata di circa 1°C (1,8 gradi Fahrenheit). Ora, un nuovo importante rapporto delle Nazioni Unite ha esaminato le conseguenze di un salto delle temperature a 1,5 o 2°C

Mezzo grado potrebbe non sembrare molto ma in realtà, come dettagliato nel rapporto, potrebbe esporre decine di milioni di persone in tutto il mondo a ondate di calore potenzialmente letali, carenza d'acqua e inondazioni costiere. Mezzo grado può significare la differenza tra un mondo con e un mondo senza barriere coralline e ghiaccio marino durante le estati artiche.

Artico

 

Stato dei ghiacci durante le estati artiche:

1.5°C
Il ghiaccio marino restisterebbe durante la maggior parte delle estati

2°C
Le estati senza ghiaccio sono 10 volte più probabili

Un ulteriore mezzo grado di riscaldamento potrebbe comportare una maggiore perdita di habitat per gli orsi polari, le balene, le foche e gli uccelli marini.

Calore estremo

 

La popolazione mondiale esposta a gravi ondate di calore (come quella che ha colpito il Sud-Est europeo nel 2007) almeno una volta ogni cinque anni:

1.5°C
Circa il 14% della popolazione mondiale

2°C
Circa il 37% della popolazione mondiale

Il calore estremo sarebbe molto più comune in tutto il mondo sotto i 2°C di riscaldamento rispetto a 1,5°C, con i tropici che registrerebbero un aumento sostanziale del numero di giornate calde "molto insolite".


Carenza d'acqua

 

Aumento della popolazione urbana esposti a forte siccità:

1.5°C
350 milioni di persone in tutto il mondo

2°C
411 milioni di persone in tutto il mondo

Piante e animali

 

Specie che perdono più della metà delle loro varietà:

1.5°C
6% di insetti
8% delle piante
4% dei vertebrati

2°C
il 18% degli insetti
16% delle piante
8% dei vertebrati

Barriere coralline

 

Stato delle barriere coralline in tutto il mondo:

1.5°C
"Mortalità di massa molto frequenti"

2°C
Le barriere coralline "per lo più scompaiono"


Aumento del livello del mare

 

Popolazione esposta alle inondazioni del mare per aumento del livello nel 2100 (senza adattamento):

1.5°C
Da 31 a 69 milioni di persone in tutto il mondo

2°C
Da 32 a 80 milioni di persone in tutto il mondo

Colture

 

Le rese globali delle colture dovrebbero essere inferiori a 2°C di riscaldamento rispetto a 1,5°C, specialmente nell'Africa subsahariana, nel Sud-Est asiatico e nell'America centrale e meridionale.

Piccoli cambiamenti, grandi impatti
Il rapporto del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, compilato da centinaia di scienziati di tutto il mondo, avverte che questi pericoli oramai non sono più da considerarsi remoti o ipotetici.
Le nazioni hanno ritardato così a lungo la riduzione delle loro emissioni di gas serra che il riscaldamento di 1,5°C (2,7 gradi Fahrenheit) è ormai quasi inevitabile. Con gli attuali tassi di riscaldamento, il mondo probabilmente supererà la soglia di 1,5°C tra il 2030 e il 2052, sconvolgendo così la vita della maggior parte degli adulti e dei bambini di oggi.
E 1,5°C è lo scenario migliore: senza una rapidissima, e forse irrealistica, spinta globale per azzerare le emissioni di combustibili fossili e rimuovere l'anidride carbonica dall'atmosfera, il catastrofico scenario derivante da un aumento di 2°C (3,6 gradi Fahrenheit) o addirittura di più durante questo secolo sembra più probabile.
Ogni volta che la Terra si riscalda di mezzo grado in più, gli effetti non sono uniformi in tutto il pianeta. Alcune regioni, come l'Artico, si riscaldano da due a tre volte più velocemente. Le regioni del Mediterraneo e del Medio Oriente potrebbero vedere un calo del 9% della disponibilità idrica a 1,5°C di riscaldamento e del 17% a 2°C, secondo uno studio importante citato nel rapporto.
"In una regione in cui già oggi scarseggia l'acqua e subisce molta instabilità politica, mezzo grado fa davvero una grande differenza", ha detto Carl-Friedrich Schleussner, il responsabile della scienza del clima e degli impatti di Climate Analytics e l'autore principale dello studio. "È un indicatore del fatto che nessuno sperimenta la temperatura media globale".
Anche le probabilità di eventi meteorologici estremi, come forti ondate di calore o forti temporali, non aumentano in modo uniforme con mezzo grado in più. Il numero di giorni estremamente caldi in tutto il mondo, ad esempio, tende ad aumentare in modo esponenziale con l'aumento della temperatura media globale, dice il rapporto.


Il rischio di punti di ribaltamento
La relazione sottolinea inoltre la possibilità che anche modeste quantità di riscaldamento possano spingere sia le società umane che gli ecosistemi naturali a superare determinate soglie, dove possono verificarsi cambiamenti improvvisi e calamitosi.
Prendiamo le barriere coralline, che forniscono cibo e protezione costiera a mezzo miliardo di persone in tutto il mondo. Prima degli anni '70, era praticamente inaudito che le temperature degli oceani si riscaldassero a tal punto da far sbiancare e morire fasce di coralli. Ma poiché le temperature medie globali sono aumentate di mezzo grado in quell'arco di tempo, questi eventi di sbiancamento sono diventati un fenomeno regolare.
Con un ulteriore mezzo grado di riscaldamento al di sopra dei livelli odierni, secondo il rapporto, le barriere coralline tropicali dovranno affrontare "mortalità di massa molto frequenti", anche se alcuni coralli possono adattarsi in un lasso di tempo più lungo. Ma a 2°C di riscaldamento totale, le barriere coralline rischiano di scomparire completamente.
È meno certo quando si verificheranno altri punti di ribaltamento a lungo temuti, come la disintegrazione irreversibile delle vaste calotte di ghiaccio in cima alla Groenlandia o all'Antartide occidentale. Ma il rapporto avverte che queste calotte di ghiaccio potrebbero potenzialmente iniziare a destabilizzarsi con 1,5 o 2°C di riscaldamento.
Il rapporto avverte anche che le aree vulnerabili, come molti paesi africani e piccole nazioni insulari, possono lottare per far fronte a molteplici impatti. I fallimenti delle colture, le ondate di calore e l'espansione delle zanzare portatrici di malaria si sommano quando si verificano insieme.
"Non ci si sta adattando a una cosa alla volta, ci si sta adattando a tutto ciò che si sposta in una volta sola", ha detto Kristie L. Ebi, professore di salute pubblica all'Università di Washington e uno degli autori principali del capitolo del rapporto sugli impatti climatici.

Oltre 1,5°C
Ai negoziati delle Nazioni Unite sul clima a Parigi nel 2015, i paesi hanno promesso di mantenere il riscaldamento globale totale ben al di sotto dei 2°C e hanno accettato di "proseguire gli sforzi" per limitare il riscaldamento a 1,5°C. I leader delle piccole nazioni insulari, come le Isole Marshall e le Maldive, avevano ritenuto che l'obiettivo inferiore fosse essenziale per la loro sopravvivenza.
A questo punto, tuttavia, entrambi gli obiettivi stanno cominciando a sembrare selvaggiamente fuori portata. Se si sommano tutti gli impegni nazionali presi a Parigi per ridurre le emissioni, il mondo si riscalderà a circa 3°C o più.
Mantenere il riscaldamento a 1,5°C, ha detto il rapporto, comporterebbe una trasformazione sconcertante del sistema energetico globale al di là di quanto i leader mondiali stanno contemplando oggi. Le emissioni globali di gas a effetto serra dovrebbero dimezzarsi in soli 12 anni e azzerarsi entro il 2050. Per rimanere sotto i 2°C, le emissioni devono scendere a zero entro il 2075 circa. Praticamente tutte le centrali a carbone e i veicoli a benzina del pianeta dovrebbero essere rapidamente sostituiti con alternative a zero emissioni di carbonio.
Inoltre, secondo il rapporto, il mondo dovrebbe sviluppare e utilizzare rapidamente la tecnologia per rimuovere ogni anno miliardi di tonnellate di anidride carbonica dall'atmosfera - utilizzando una tecnologia non ancora testata su larga scala.

"Il mio punto di vista è che 2°C è aspirazionale e 1,5°C è ridicolmente aspirazionale" ha detto Gary Yohe, un economista ambientale della Wesleyan University. "Sono buoni obiettivi a cui puntare, ma dobbiamo affrontare il fatto che potremmo non raggiungerli e cominciare a pensare più seriamente a come potrebbe apparire un mondo a 2,5 o 3 °C".

 

Nunzia Vallozzi

Ufficio Stampa Web - ESO

 

Fonte e photo credits: The New York Times

Torna all'elenco delle news

Eso contatti

  • Via Giuseppe Ungaretti 27
    | 20090 OPERA MI

  • T (+39)02.530.111 R.A.
    F (+39)02.530.11.209

  • info@eso.it

Numeri verdi

  • Assistenza tecnica
  • informazioni commerciali
  • Servizio prese

Dati fiscali

  • Società Benefit arl
    Capitale Sociale Euro 300.000,00

  • P.IVA IT 13288930152 - C.F. 13288930152
    R.E.A. 1636344

  • PEC info@pec.esoweb.it

Iscrizioni albo

  • Iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali
    Sezione Regione Lombardia - Iscrizione n° MI31797
    Iscritto all'Albo Nazionale per il Trasporto Conto Terzi
    Iscrizione n° MI-0884798-E.

Certificazioni

certificazione ido 9001 + 14001 certificazione 18001 + ohsas
certificazioni it