Eso Società Benefit Arl, società specializzata nella gestione rifiuti

Modifica e abrogazione disposizioni di legge che prevedono adozione provvedimenti di attuazione

Dlgs 22 gennaio 2016, n. 10
Modifica e abrogazione disposizioni di legge che prevedono adozione provvedimenti di attuazione (cd. "Taglia norme" - Sistri - fitosanitari - risorse progetti valorizzazione aree territoriali, beni culturali e ambientali)

Consiglio dei Ministri

Decreto legislativo 22 gennaio 2016, n. 10

(Gu 28 gennaio 2016 n. 22)

Modifica e abrogazione di disposizioni di legge che prevedono l'adozione di provvedimenti non legislativi di attuazione, a norma dell'articolo 21 della legge 7 agosto 2015, n. 124

Il Presidente della Repubblica

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Visto l'articolo 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400 recante disciplina dell'attività di Governo ed ordinamento della Presidenza del Consiglio dei ministri;

Visto l'articolo 21 della legge 7 agosto 2015, n. 124 recante delega al Governo per la modifica e l'abrogazione di disposizioni di legge che prevedono l'adozione di provvedimenti attuativi;

Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei ministri, adottata nella riunione del 23 novembre 2015;

Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni parlamentari;

Acquisito il parere della Commissione parlamentare per la semplificazione;

Vista la deliberazione del Consiglio dei ministri, adottata nella riunione del 15 gennaio 2016;

Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro per le riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento;

Emana

il seguente decreto legislativo:

Articolo 1
Modificazioni

1. All'articolo 1, comma 450, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, le parole: "e le università statali" sono soppresse.

2. All'articolo 18, comma 1, lettera b), della legge 12 novembre 2011, n. 183, le parole: " nonche', limitatamente alle grandi infrastrutture portuali, per un periodo non superiore ai 15 anni, con il 25% dell'incremento del gettito di imposta sul valore aggiunto relativa alle operazioni di importazione riconducibili all'infrastruttura oggetto dell'intervento" sono soppresse.

3. Al decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all'articolo 6, comma 1, lettera b), le parole: " e al decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394" sono soppresse;

b) all'articolo 17, comma 4-quinquies, le parole: "d'ufficio" sono sostituite dalle seguenti: " attraverso sistemi informatici e banche dati," e le parole: "nonché le misure idonee a garantire la celerità nell'acquisizione della documentazione" sono soppresse.

4. All'articolo 2 del decreto-legge 20 giugno 2012, n. 79, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 131, il comma 3 è sostituito dal seguente:

"3. Nel caso in cui venga concesso il godimento del fabbricato o di porzione di esso sulla base di un contratto, anche verbale, non soggetto a registrazione in termine fisso, l'obbligo di cui all'articolo 12 del decreto-legge 21 marzo 1978, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 maggio 1978, n. 191, è assolto attraverso l'invio della comunicazione al Questore competente per territorio, anche mediante l'inoltro di un modello informatico approvato con decreto del Ministero dell'interno, adottato entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, che ne stabilisce altresì le modalità di trasmissione.".

5. All'articolo 14, comma 8, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, il secondo periodo è soppresso.

6. All'articolo 25, comma 3, primo periodo, del decreto legislativo 14 agosto 2012, n. 150, le parole: "e le relative modalità di versamento" sono soppresse.

7. Al decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all'articolo 8, comma 2, dopo le parole: "per l'innovazione tecnologica," sono inserite le seguenti: "ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400,";

b) all'articolo 20, comma 16, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, le parole da: " secondo i criteri" a: "innovazione tecnologica" sono soppresse.

8.
All'articolo 13, comma 2-quater, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, le parole: "8, commi 2 e" sono sostituite dalle seguenti: "8, comma".

9. All'articolo 11, comma 2, del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, il secondo periodo è soppresso.

10.
All'articolo 9, comma 2, del decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, dopo le parole: "decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286" sono inserite le seguenti: " prevedendo la comunicazione dei dati tra pubbliche amministrazioni attraverso sistemi informatici e banche dati".

11. All'articolo 7, comma 3-quater, del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2014, n. 106, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al primo periodo, le parole comprese da: "con decreto" a: "enti locali," sono sostituite dalle seguenti: "lo Stato, le Regioni e i Comuni interessati definiscono, attraverso gli accordi di cui all'articolo 2, comma 203, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, e successive modificazioni, e anche sotto forma di investimento territoriale integrato ai sensi dell'articolo 36 del Regolamento (Ue) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, il "Programma Italia 2019", volto a valorizzare";

b) al secondo periodo, dopo le parole: "periodo 2014-2020" sono inserite le seguenti: "ed è approvato con il decreto ministeriale di cui al quarto periodo del presente comma.

I programmi di ciascuna città, sulla base dei progetti già inseriti nei dossier di candidatura, sono definiti tramite apposito accordo, stipulato tra il Comune interessato, la Regione di appartenenza e il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, con il quale sono individuate altresì le risorse necessarie per la sua realizzazione.

Con successivo decreto del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, adottato previa intesa in sede di Conferenza unificata, è redatto l'elenco ricognitivo degli accordi sottoscritti ai sensi del periodo precedente.".

12. Al decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, sono apportate le seguenti modificazioni: a) all'articolo 1, comma 11, primo periodo, le parole: "dall'entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto" sono soppresse ed è aggiunto, in fine, il seguente periodo: "Il termine di centottanta giorni, di cui al primo periodo, decorre dalla data di stipulazione dei suddetti contratti";

b) all'articolo 7, comma 6, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: "Le somme provenienti dalle revoche sono versate all'entrata del bilancio dello Stato per essere riassegnate al predetto Fondo istituito presso il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare";

c) all'articolo 33, comma 3, primo periodo, dopo le parole: "Consiglio dei Ministri," sono inserire le seguenti: "su proposta del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti,".

Articolo 2
Abrogazioni

1. Le disposizioni di cui all'Allegato 1 del presente decreto sono abrogate.

Articolo 3
Entrata in vigore

1. Il presente decreto legislativo entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana.

È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addì 22 gennaio 2016

Allegato 1 (articolo 2)
Elenco delle disposizioni abrogate

1    Articolo 4-bis, comma 6-bis, della legge 29 ottobre 1961, n. 1216, limitatamente alle parole: «con le modalità
2    Articolo 35, comma 1-bis, della legge 23 dicembre 1994, n. 724
3    Articolo 23, comma 1-ter, del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, ultimo periodo
4    Articolo 5, comma 8-quater, del decreto-legge 30settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, introdotto dall'articolo 1, comma 52, della legge 27 dicembre 2013, n. 147
5    Articolo 210, comma 1-bis, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66
6    Articolo 18, commi 2-bis e 2-quater della legge 12 novembre 2011, n. 183
7    Articolo 13, comma 12-bis, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214
8    Articolo 6, comma 2-quinques, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 14
9    Articolo 1, comma 3, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27
10    Articolo 3, comma 3-quater, del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35
11    Articolo 12, commi 2, 3 e 4, del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 25
12    Articolo 44, comma 1, del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35
13    Articolo 57, comma 14, del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35
14    Articolo 4, comma 8, del decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 aprile 2012, n. 44
15    Articolo 10, comma 3, del decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 aprile 2012, n. 44
16    Articolo 10, comma 7, del decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 aprile 2012, n. 44
17    Articolo 4, comma 2, lettera b), del decreto legislativo 29 marzo 2012, n. 49
18    Articolo 2 del decreto legislativo 18 aprile 2012, n. 61
19    Articolo 4-bis, comma 1, lett. a), del decreto-legge 20 giugno 2012, n. 79, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 131
20    Articolo 8, commi 3, 4, 5, 6 e 7, del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134
21    Articolo 22, comma 7, del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7agosto 2012, n. 134
22    Articolo 59, comma 4, del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134
23    Articolo 1, comma 11, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135
24    Articolo 2, comma 11, lett. d), del decreto-legge 6  luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135
25    Articolo 6, comma 2, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135
26    Articolo 15, comma 17-bis, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135
27    Articolo 5, comma 14, del decreto legislativo 16 luglio 2012, n. 109.
28    Articolo 10, comma 6, del decreto legislativo 14 agosto 2012, n. 150
29    Articolo 2-bis del decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158, convertito, con modificazioni, dalla legge 8  novembre 2012, n. 189
30    Articolo 15, comma 2, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221
31    Articolo 20, comma 3, limitatamente alle parole: ",e partecipa alla definizione dello statuto previsto nel comma 4", comma 4, comma 6, comma 17, limitatamente alle parole: "e dello statuto delle comunità intelligenti", comma 18, comma 19, alinea, limitatamente alle parole: "e 18" del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre  2012, n. 221.
32    Articolo 34-septies, comma 2, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221
33    Articolo 1, comma 31, della legge 6 novembre 2012, n. 190
34    Articolo 6 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98
35    Articolo 11, comma 1, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98
36    Articolo 13-bis, comma 1, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98
37    Articolo 50-bis , del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98
38    Articolo 50-bis del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98.
39    Articolo 2, comma 14, del decreto-legge 28 giugno 2013, n. 76, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 99
40    Articolo 3, comma 1-bis, del decreto-legge 28 giugno 2013, n. 76, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 99
41    Articolo 2, comma 2-bis, del decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128
42    Articolo 13, comma 25, del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2014, n. 9
43    Articolo 1, comma 292, della legge 27 dicembre 2013, n. 147
44    Articolo 1, commi 382, 383 e 385, della legge 27 dicembre 2013, n. 147
45    Articolo 34, comma 2, della legge 30 ottobre 2014, n. 161
46    Articolo 34, comma 3, della legge 30 ottobre 2014, n. 161.

 

Torna all'elenco delle normative

Eso contatti

  • Via Giuseppe Ungaretti 27
    | 20090 OPERA MI

  • T (+39)02.530.111 R.A.
    F (+39)02.530.11.209

  • info@eso.it

Numeri verdi

  • Assistenza tecnica
  • informazioni commerciali
  • Servizio prese

Dati fiscali

  • Società Benefit arl
    Capitale Sociale Euro 300.000,00

  • P.IVA IT 13288930152 - C.F. 13288930152
    R.E.A. 1636344

  • PEC info@pec.esoweb.it

Iscrizioni albo

  • Iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali
    Sezione Regione Lombardia - Iscrizione n° MI31797
    Iscritto all'Albo Nazionale per il Trasporto Conto Terzi
    Iscrizione n° MI-0884798-E.

Certificazioni

certificazione ido 9001 + 14001 certificazione 18001 + ohsas
certificazioni it