La newsletter di ESO
Seguici su Twitter Seguici su facebook Seguici su Google+ Seguici su Youtube Seguici su Linkedin


Rassegna del 15 novembre 2018
    

GoGreen Newsletter

Quanto la nostra salute è legata all’inquinamento plastico degli oceani?


Ogni anno si tengono centinaia di conferenze, meeting, incontri e dibattiti di ogni tipo sugli oceani e sulla salute umana. Tutte sono pensate per attirare l’attenzione della gente sull’inquinamento degli oceani.

Ma dopo tutti questi sforzi, dopo tanti milioni spesi, sembra proprio non interessare a nessuno. Perché?

Di fatto la maggior parte delle persone si preoccupa dell’ambiente solo quando influenza direttamente la loro vita. Oppure quando è visibile e inevitabile.

Guardiamo i cambiamenti climatici. Non hanno ancora influenzato la maggior parte delle nostre vite in un modo veramente significativo. Ma non sono nemmeno invisibili. Stiamo iniziando a vedere il loro impatto intorno a noi. Percepiamo che qualcosa è cambiato. Ricordiamo gli autunni di quando eravamo bambini e qualcosa non ci quadra. Ma cosa davvero stiamo rischiando?

Il documento della Plastic Soup Foundation, ci da qualche dato.

Ecco alcuni estratti spaventosi:

Nel 2013, gli scienziati del Plymouth Marine Laboratory in Inghilterra hanno filmato il plancton, la base della catena alimentare, che consumava plastica. Il plancton è l’alimento principale, a volte l’unico, di una varietà impressionante di specie marine. Molte finiscono direttamente o indirettamente nei nostri piatti.

I ricercatori dell’Università di Lund (Svezia) hanno dimostrato che le microplastiche possono spostarsi attraverso la catena alimentare degli animali, andando addirittura ad influenzare gli animali al vertice della catena.

Le microplastiche si trovano nel 63% dei gamberi nel Mare del Nord.

Un quarto del pesce acquistato nei mercati ittici locali ha plastica nei loro tratti digestivi.

E molto recentemente, a luglio 2016, gli scienziati hanno dimostrato per la prima volta che le microplastiche possono perdere sostanze chimiche tossiche nei corpi dei pesci.

Ma cosa davvero comporta così tanta plastica negli oceani?

Gli oceani sono la fonte di proteine più grande al mondo, con oltre 3 miliardi di persone che dipendono dagli oceani come fonte primaria di cibo. Inoltre gli oceani forniscono il 50% dell’ossigeno del pianeta. Queste sono solo 2 delle caratteristiche che rendono i nostri mari intoccabili.

La plastica contiene diverse sostanze chimiche aggiunte, molte interferiscono con gli ormoni, la plastica può essere portatrice di virus e parassiti e le nanoplastiche possono passare attraverso le nostre membrane cellulari.

Rolf Halden, professore associato presso la School of Sustainable Engineering presso la Arizona State University, ha intrapreso un’indagine riguardante i pericoli della plastica per la salute umana e per gli ecosistemi da cui dipendiamo.

Rolf si chiede quali sono le conclusioni di un inquinamento, senza controlli negli ultimi 60 anni, negli oceani. Si chiede quali sono le conseguenze per la salute umana, quali sono gli effetti complessivi della plastica che involontariamente ingeriamo.

Il risultato è che è molto difficile capirlo. Parte della difficoltà sta nell’assenza di buoni controlli per lo studio delle conseguenze sulla salute. Il fatto è che l’esposizione plastica è un fenomeno globale e la ricerca di soggetti non esposti ad essa, per il confronto, è quasi impossibile.

È noto tuttavia che gli effetti sulla salute variano a seconda di chi è esposto e quando. I neonati e le donne incinte o che allattano, sono ad alto rischio.

Quindi non sappiamo per certo quanto, ma sappiamo che fa male e probabilmente quando lo sapremo misurare, il risultato non ci piacerà.

La conclusione è che questa è la più grande crisi globale della salute e parte dall’oceano.

 

Fonte: IL BLOG DI BEPPE GRILLO, 13 novembre 2018

 




Torna alle notizie GOGREEN




Rassegna del 15 novembre 2018
 
8 di 23 della rassegna...
    
DA ECOMONDO: ESO presenta i nuovi servizi back to work, esosport balls e l'impianto di ESO RECYCLING


A Genova prosegue la raccolta di vecchie scarpe sportive: dall’upcycling nasce un nuovo “Giardino di Betty” presso i Giardini Marco e Dino Risi in Corso Firenze


VOTA L'Associazione Gogreen - onlus, candidata al Premio AICA, l'Oscar della Comunicazione Ambientale 2018


SEME DEL BUON ANTROPOCENE: Presentato il primo “impianto eolico di comunità”. ènostra: “Lavoriamo a un modello dal basso, sganciato dalle dinamiche del petrolio”
Fonte: GREENEWS, 6 novembre 2018

DA ECOMONDO: Economia, il futuro è sempre più circolare: Italia in pole position in Europa
Fonte: QuiFinanza, 10 novembre 2018

DA ECOMONDO: Il “fishing for litter” per combattere la plastica nei fondali
Fonte: WISE SOCIETY, 12 novembre 2018

Ci sarà abbastanza acqua in futuro?
Fonte: Focus, 12 novembre 2018

Raccolta differenziata e riciclo: benefici e vantaggi
Fonte: sky tg24, 12 novembre 2018

Accedi alla rassegna completa
 

www.eso.it

Eso box
Invia ad un amico | Iscriviti alla Newsletter di ESO | Cancellati dalla newsletter
 
Privacy   |   Supporto

www.eso.it - info@eso.it