La newsletter di ESO
Seguici su Twitter Seguici su facebook Seguici su Google+ Seguici su Youtube Seguici su Linkedin


Rassegna del 31 Ottobre, 2019
    

GoGreen Newsletter

Le rinnovabili cresceranno del 50% in cinque anni. Pressing sull'Ue per ridurre il consumo di acqua nell'energia


Le rinnovabili cresceranno del 50% in cinque anni. Pressing sull'Ue per ridurre il consumo di acqua nell'energia

Le stime dell'Iea mettono il fotovoltaico davanti a tutti. Ma serve di più per fermare il riscaldamento. Uno studio della Commissione certifica che servono 1.300 litri d'acqua a testa al giorno per produrre elettricità nella Ue. Gas, carbone e petrolio ne assorbono una grande quota

Nel giro dei prossimi cinque anni, al traino del fotovoltaico installato sui tetti delle case private e sui capannoni industriali, la capacità produttiva di energia da fonti rinnovabili balzerà del 50%. Ne è convinta l'Agenzia internazionale per l'energia, che però solleva un problema: non sarà comunque abbastanza per fermare il riscaldamento globale. E un altro studio scientifico, questa volta prodotto dal Joint Research Centre dell'Unione europea, dice che il percorso potrà ancora accelerare quando i policymaker del Vecchio continente - e i cittadini - prenderanno coscienza di un altro fenomeno: che ad oggi l'acqua che serve ad ogni europeo per tenere accesa la luce un giorno arriva a riempire quattro vasche da bagno.

A tanto, ben 1.300 litri a testa, ogni giorno, ammonta infatti il fabbisogno di acqua assorbito dai processi di generazione di elettricità. E in questo panorama, il peso degli impianti a carbone, a gas o nucleari disseminati per l'Europa è determinante. Un fattore che - sintetizza Bloomberg - non può che accrescere la consapevolezza di urgenza per una rapida transizione verso fonti alternative. "L'Europa dovrebbe tenere in considerazione il consumo di acqua nel formulare le sue politiche energetichevolte a decarbonizzare e aumentare il ricorso alle rinnovabili nelle fonti energetiche", ha scritto il team di ricerca guidato da Davy Vanham. D'altra parte, gli impianti a combustibili fossili e nucleari pesano per il 30% dell'acqua necessaria a produrre energia consumata in Europa, contro l'1,7% combinato delle rinnovabili quali eolico, solare ed idroelettrico (quello che sfrutta i corsi naturali, ovviamente diverso è il discorso per quel che riguarda la legna e l'idroelettrico formao con dighe e laghi artificiali).

 

Foto di <a href="https://pixabay.com/it/users/Pexels-2286921/?utm_source=link-attribution&amp;utm_medium=referral&amp;utm_campaign=image&amp;utm_content=1853323">Pexels</a> da <a href="https://pixabay.com/it/?utm_source=link-attribution&amp;utm_medium=referral&amp;utm_campaign=image&amp;utm_content=1853323">Pixabay</a>

 





Torna alle notizie GOGREEN




Rassegna del 31 Ottobre, 2019
 
8 di 14 della rassegna...
    
Ecco un piccolo glossario della terminologia 'eco-friendly'.
unicosettimanale.it

Trento è la città più green d'Italia
ildolomiti.it

Plastica addio: così le aziende aiutano l'ambiente. Greenpeace: Ripartire dal packaging
repubblica.it

AMBIENTE – Decreto clima: bene attenzione a ambiente, ma servono modifiche a sostegno imprese
confartigianato.it

Primo è l’Ambiente: torna il concorso green promosso da Uisp Emilia Romagna
sassuolo2000.it

Ambiente, città italiane più 'Green'. Cosenza è 14^ e al 6° posto per isole pedonali
quicosenza.it

Le app per salvare l’ambiente: I giovani si mettono in gioco
gazzettadimantova.gelocal.it

Rifiuti: Istat, costi raccolta troppo alti per 7 famiglie su 10
ansa.it

Accedi alla rassegna completa
 

www.eso.it

Eso box
Invia ad un amico | Iscriviti alla Newsletter di ESO | Cancellati dalla newsletter
 
Privacy   |   Supporto

www.eso.it - info@eso.it