La newsletter di ESO
Seguici su Twitter Seguici su facebook Seguici su Google+ Seguici su Youtube Seguici su Linkedin


Rassegna del 9 Gennaio 2020
    

GoGreen Newsletter

La Lombardia prima Regione Italiana per imprese green


La Lombardia prima Regione Italiana per imprese green

Fondazione Symbola e Fondazione Cariplo hanno presentato a Milano in Assolombarda il Manifesto di Assisi e i dati di GreenItaly 2019.
La green economy è stata, in questi anni difficili, la migliore risposta alla crisi, una strada che guarda avanti e affronta le sfide del futuro incrociando la natura profonda della nostra economia: la spinta per la qualità e la bellezza, la coesione sociale, naturali alleate dell’uso efficiente di energia e materia, dell’innovazione, dell’high-tech.


Una coraggiosa e vincente evoluzione di sistema avviata ‘dal basso’, che si basa su investimenti e produce lavoro, sostiene la coesione delle comunità e si intreccia con il territorio.


In occasione dei dieci anni del Rapporto GreenItaly, si coglie una accelerazione verso il green del sistema imprenditoriale italiano con uno studio su oltre 300 storie di economia circolare. Record di eco investimenti nel 2019, anno in cui la quota raggiunge un valore pari a 21,5%, corrispondente a un valore assoluto di quasi 300 mila imprese e di 7,2 punti superiore a quanto registrato nel 2011.
Lo racconta GreenItaly 2019: il decimo rapporto della Fondazione Symbola e di Unioncamere – promosso in collaborazione con Conai, Ecopneus e Novamont, con la partnership di Fondazione Cariplo, di Si.Camera e Ecocerved e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – che misura e pesa la forza della green economy nazionale. Sono oltre 432 mila le imprese italiane dell’industria e dei servizi con dipendenti che hanno investito nel periodo 2015-2018, o prevedono di farlo entro la fine del 2019 in prodotti e tecnologie green per ridurre l’impatto ambientale, risparmiare energia e contenere le emissioni di CO2. In pratica quasi un’azienda italiana su tre, il 31,2% dell’intera imprenditoria extra-agricola. E nel manifatturiero sono più di una su tre (35,8%).
Solo quest’anno, quasi 300 mila aziende hanno investito, o intendono farlo, sulla sostenibilità e l’efficienza. Il rapporto è stato presentato a Milano, presso la sede di Assolombarda, da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola, Domenico Sturabotti, direttore della Fondazione Symbola e sono intervenuti Catia Bastioli, Amministratore delegato Novamont, Padre Enzo Fortunato, direttore della sala stampa del Sacro Convento di Assisi, Giovanni Fosti, presidente della Fondazione Cariplo, Carlo Montalbetti, direttore generale Comieco, Ettore Prandini, presidente della Coldiretti. Ha coordinato la conferenza Antonio Calabrò, vicepresidente di Assolombarda e ha concluso i lavori Carlo Bonomi, presidente Assolombarda.


“La generazione Greta ha bisogno di risposte più che di carezze. Molto sta cambiando anche se troppo lentamente. Quando 10 anni fa pubblicavamo il primo GreenItaly – afferma il Presidente della Fondazione Symbola Ermete Realacci  – nel mondo c’erano 25 GW di fotovoltaico installato: oggi i GW sono diventati 660. La tecnologia ha compiuto enormi progressi e in questi 10 anni il costo dell’elettricità da fotovoltaico, dice l’Unep, è crollato dell’81%, e quello dell’eolico del 46%. È già oggi in campo un’economia più sostenibile e a misura d’uomo che mette insieme innovazione e qualità con valori e coesione sociale; ricerca e tecnologia con design e bellezza, industria 4.0 e antichi saperi. Un modello produttivo e sociale che offre al nostro Paese la possibilità di avere un rilevante ruolo internazionale: già oggi l’Italia è la superpotenza europea nell’economia circolare con il 79% di rifiuti totali avviati a riciclo e presenta un’incidenza ben superiore rispetto a tutti gli altri grandi Paesi europei: la Francia è al 55%, il Regno Unito al 49%, la Germania al 43%. La green economy italiana è la frontiera più avanzata per cogliere queste opportunità. È un’Italia che fa l’Italia, che non perde la propria anima ed è insieme innovativa e in grado di affrontare le sfide del futuro, senza lasciare indietro nessuno, senza lasciare solo nessuno”.


“L’opinione pubblica ha raggiunto un livello di consapevolezza rispetto ai problemi ambientali che poco tempo fa erano inimmaginabili. Dalla consapevolezza occorre passare ai fatti. I dati del rapporto evidenziano un settore in crescita, che sta trasformando le criticità in opportunità, e questo è incoraggiante, ma per le condizioni in cui versa il nostro pianeta non è sufficiente. Servono rapidamente politiche sovrannazionali e impegni concreti da parte di tutti – ha detto il Presidente di Fondazione Cariplo, Giovanni Fosti – sul fronte occupazionale, la green economy ha aperto un filone con ampie potenzialità, capace di raccogliere anche la predisposizione delle giovani generazioni. Servono però competenze trasversali come la passione verso certe tematiche, la capacità di lavorare in gruppo, il problem solving e una comunicazione efficace. Promuovere queste soft skills nei giovani è proprio l’obiettivo del progetto GREEN JOBS di Fondazione Cariplo, un percorso di orientamento e di autoimprenditorialità green nelle scuole superiori. Il progetto è attivo dal 2015 e dall’anno scorso è diventato di portata nazionale con il coinvolgimento di altre 8 Fondazioni di origine bancaria aderenti all’ACRI. In 5 anni green jobs coinvolto più di 600 classi e di 12.000 studenti in Lombardia. Siamo di fronte ad un contesto che offre opportunità anche alle aziende che hanno compreso il grande valore dell’Economia Circolare: su questo fronte Fondazione Cariplo, con Cariplo Factory e Intesa San Paolo, ha dato vita al Circulary Economy LAB, per sostenere le imprese nuove e ad aiutare quelle esistenti ad adottare modelli incentrati sulla sostenibilità, per contribuire alla creazione di un nuovo sistema in grado di funzionare nel lungo termine”.
LOMBARDIA


Con 77.691 imprese, la Lombardia è al primo posto in Italia nella graduatoria regionale per numero assoluto di aziende che hanno investito, o investiranno, in tecnologie green. Passando dal livello regionale a quello provinciale, è Milano con le sue 21.547 imprese green la provincia più virtuosa della Lombardia. Seconda Brescia con 10.201 imprese, il terzo gradino del podio è occupato da Bergamo a quota 8.095. Seguono Monza e Brianza con 5.932 e Varese con 5.867. L’ottimo risultato della provincia di Milano è confermato anche su scala nazionale: Milano è al secondo posto in Italia nella graduatoria provinciale per numero di imprese green. Ma i primati della regione non si fermano qui: con 137.097 contratti stipulati a green jobs dalle imprese per il 2019, la Lombardia è al vertice anche della graduatoria regionale per numero di contratti stipulati o programmati. Un primato nazionale che vanta anche Milano, con le sue 74.062 mila attivazioni di contratti a green jobs previste a livello provinciale, il 14,2% del totale nazionale.
I protagonisti lombardi della sostenibilità citati in GreenItaly: Pirelli, Material ConneXion Italia, A2A SmartCity, ACM – Dettagli di Moda, Alta Chemicals, Amsa – Azienda Milanese Servizi Ambientali, Argar, Assocalzaturifici, Barone Pizzini Soc. Agricola, Blumine, BMW ITALIA, Bottega Veneta, BREMBO, CAMUNA PREFABBRICATI, Canclini Tessuti, CANDIANI, CANEPA, CAP Holding, CARVICO, Cascine Orsine di Bereguardo, Chiara Boni – Le petite Robe, COIMA, Color System, COMUNITA MONTANA PARCO ALTO GARDA BRESCIANO, Consorzio Italbiotec, Coronet, D.Vision Architecture, DELOITTE CONSULTING, Desalto, Università degli Studi di Milano, Directa Plus, Domus, ECOPNEUS, Egoluce, EUROJERSEY, EUROMILANO, FederlegnoArredo, Filmar, Flanat Research, Flexform, FOPPA PEDRETTI, Framis Italia, FULGAR, Gauss Magneti, GEWISS, GIORGIO ARMANI, Great Wall Italia, Gruppo Frati, GRUPPO MAURO SAVIOLA, Ibi Plast, Innovhub Ssi- Stazioni sperimentali per l’industria, KARTELL, Loris Bellini, LORO PIANA, Macpresse, MAGNETI MARELLI, Maire Tecnimont, Mantero Seta, Marlegno, Milano Ristorazione, Milano Unica, MISURA EMME, Mogu, Molinari, Moncler, Mureddu Sugheri, Novellini, OMR Officine Meccaniche Rezzatesi, Panguaneta, Paul&Shark, PEDRALI, Plastic Consult, POLITECNICO DI MILANO, POMELLATO, Prada, Radiatori2000, Radici Group, REGIONE LOMBARDIA, Renault Italia, RIVA INDUSTRIA MOBILI, ROELMI HPC, Saati, Safitex, Salone CSR e dell’innovazione sociale, Sandrini Green Architecture, Save the Duck, Scuola Internazionale di Liuteria “Antonio Stradivari”, SOLIANI EMC, SPRING – Cluster Tecnologico Nazionale della Chimica Verde, Stamperia di Lipomo, STMicroelectronics, STREPARAVA, Studio O + A Ori Arienti, Sumus Italia, Taroni, TESSITURA ATTILIO IMPERIALI, TexClubTec, UNIC Unione nazionale Industria Conciaria, Unifor, Università degli Studi di Milano-Bicocca, VERSALIS, Wood Beton.


Green economy
Le aziende di questa GreenItaly hanno un dinamismo sui mercati esteri nettamente superiore al resto del sistema produttivo italiano: con specifico riferimento alle imprese manifatturiere (5–499 addetti), il 51% delle eco-investitrici ha segnalato un aumento dell’export nel 2018, contro il più ridotto 38% di quelle che non hanno investito. Queste imprese innovano più delle altre: il 79% ha sviluppato attività di innovazione, contro il 61% delle non investitrici. Innovazione che guarda anche a Impresa 4.0: mentre tra le imprese eco-investitrici il 36% ha già adottato o sta portando avanti progetti per attivare misure legate al programma Impresa 4.0, quelle non investitrici sono al 18%.


Green Jobs: occupazione e innovazione
Nel 2018 il numero dei green jobs in Italia ha superato la soglia dei 3 milioni: 3.100.000 unità, il 13,4% del totale dell’occupazione complessiva (nel 2017 era il 13,0%). L’occupazione green nel 2018 è cresciuta rispetto al 2017 di oltre 100 mila unità, con un incremento del +3,4% rispetto al +0,5% delle altre figure professionali. La green economy è anche una questione anagrafica. Una importante spinta al nostro sistema manifatturiero verso la sostenibilità ambientale, infatti, è impressa dai giovani imprenditori: tra le imprese guidate da under 35, il 47% ha fatto eco-investimenti, contro il 23 delle over 35.
Green economy significa anche cura sociale: il 56% delle imprese green sono imprese coesive, che investono cioè nel benessere economico e sociale dei propri lavoratori e della comunità di appartenenza relazionandosi con gli attori del territorio (altre imprese, stakeholder, organizzazioni non profit, ecc.); tra le imprese che non fanno investimenti green, invece, le coesive sono il 48%.
Leadership europea nelle performance ambientali.


Le imprese di GreenItaly, incluse le PMI, hanno spinto l’intero sistema produttivo nazionale e il Paese verso una leadership europea nelle performance ambientali. Leadership che fa il paio coi nostri primati internazionali nella competitività. Queste oltre 430 mila imprese hanno dato all’Italia una leadership nella sostenibilità che possiamo misurare constatando che il nostro sistema industriale, con 14,8 tonnellate equivalenti di petrolio per milione di euro prodotto, è il secondo tra quelli dei grandi UE per input energetici per unità di prodotto: dietro alla Gran Bretagna (13,7, che ha però un’economia guidata dalla finanza) ma davanti a Francia (15,6), Spagna (17,3) e Germania (17,8). Stesso discorso per gli input di materia: con 285,9 tonnellate per milione di euro prodotto siamo dietro alla Gran Bretagna (240,1) ma davanti a Francia (340,5), Spagna (355,3) e Germania (399,1).
Siamo i più efficienti nella riduzione di rifiuti: le nostre imprese ne producono 43,2 tonnellate per milione di euro, quelle spagnole 54,7, quelle britanniche 63,7, le tedesche 67,4 e le francesi 77,4. Oltre ai rifiuti le emissioni climalteranti: con 97,3 tonnellate di CO2 equivalenti ogni milione di euro, fanno meglio di noi Francia (80,9, forte del nucleare) e Regno unito (95,1) mentre distanziamo Spagna (125,5) e soprattutto Germania (127,8). L’attenzione delle imprese all’ambiente si legge anche nella crescita dei brevetti green in Italia: complessivamente 3.500 (10% dei brevetti europei). Con un aumento del 22% nel periodo 2006-2015, e una dinamica in controtendenza rispetto ai brevetti in generale. L’Italia è il terzo Paese al mondo, dopo Cina e Giappone e davanti a Spagna, Germania, Francia ma anche Usa, per numero di certificazioni ISO 14001.

 

 

 




Torna alle notizie GOGREEN




Rassegna del 9 Gennaio 2020
 
8 di 21 della rassegna...
    
Itinerari tra storia e ambiente dedicati a cicloturisti e pedoni
iltirreno.gelocal.it

Ambiente e questione femminile: i grandi temi della musica dei nuovi anni Venti - di Filippo Mei
huffingtonpost.it

Street style e ambiente: a Pitti Uomo la priorità è proteggere il pianeta - di Andrea Cianferoni
affaritaliani.it

I consigli per viaggiare in modo sostenibile senza danneggiare l’ambiente
siviaggia.it

100% rinnovabili tagliando tutti i costi del 91%: come si può fare in 143 Paesi
qualenergia.it

Creval il calendario 2020: Innovare per crescere in modo sostenibile
greenretail.news

Emergenza clima e cambiamenti climatici, ecco il bilancio del 2019
legambiente.it

Rifiuti, schiacciare (bene) una bottiglia di plastica fa la differenza
greenreport.it

Accedi alla rassegna completa
 

www.eso.it

Eso box
Invia ad un amico | Iscriviti alla Newsletter di ESO | Cancellati dalla newsletter
 
Privacy   |   Supporto

www.eso.it - info@eso.it