La newsletter di ESO
Seguici su Twitter Seguici su facebook Seguici su Google+ Seguici su Youtube Seguici su Linkedin


Rassegna del 7 Agosto, 2020
    

GoGreen Newsletter

Ecco i sub che si dedicano all'ambiente: il progretto europeo per un mondo migliore - di Guglielmo Allochis


Ecco i sub che si dedicano all'ambiente: il progretto europeo per un mondo migliore - di  Guglielmo Allochis

Le condizioni del nostro pianeta sono ormai incerte e la colpa è proprio di tutte le azioni sconsiderate dell’uomo. In questi ultimi anni si sta infatti cercando di fare un passo indietro e limitare i danni, anche se la situazione è ormai critica e pericolosa.

Il genere umano ha da sempre trasformato il paesaggio a proprio piacimento, andando tuttavia a mutare la componente biotica del sistema Terra. Il nostro bellissimo Pianeta è infatti considerabile come un sistema integrato e complesso: se qualcosa di esso viene danneggiato ne risentirà inevitabilmente tutto il resto.

Il pesce è triste assai

Aprendo questo discorso risulterebbe impossibile non dire neanche due parole sugli oceani. Non serve andare chissà quanto lontani per poter “ammirare” bottiglie di plastica e oggetti di ogni tipo sulle spiagge e sul fondale stesso del mare. Per fortuna qualcuno ha deciso di prendersi cura – forse un po’ tardi – delle acque italiane e dei suoi abitanti.

È impossibile condurre una vita spensierata una volta in cui ci si è resi conto di aver danneggiato senza condizione di causa la propria casa. Nonostante l’uomo viva sulla Terra e non abbia le branchie non può di certo ignorare ciò che avviene – per sua colpa – in fondo al mare.

Poco tempo fa una grande squadra di sommozzatori ha deciso di prendere in mano la situazione e di pulire i fondali dei mari italiani. Questo gesto forte non solo ha in parte aiutato i nostri mari a rimettersi in salute, ma ha anche dato dimostrazione di una voglia intrinseca di cambiare rotta. Questo progetto, denominato Clean Sea Life, ha visto infatti agire e mettersi in gioco centinaia di persone insieme al Corpo della Capitaneria di Porto.

Gli oggetti raccolti dalla squadra sono stati smaltiti con l’aiuto degli enti locali.


Ovviamente si tratta solo di piccoli passi, ma in questa situazione precaria e difficile tutto può essere considerato essenziale.

Foto di <a href="https://pixabay.com/it/users/FIRSTonline-701604/?utm_source=link-attribution&amp;utm_medium=referral&amp;utm_campaign=image&amp;utm_content=2296460">FIRST online</a> da <a href="https://pixabay.com/it/?utm_source=link-attribution&amp;utm_medium=referral&amp;utm_campaign=image&amp;utm_content=2296460">Pixabay</a>





Torna alle notizie GOGREEN




Rassegna del 7 Agosto, 2020
 
8 di 14 della rassegna...
    
#EViaggioItaliano, il nuovo tour elettrico per il rilancio del turismo sostenibile
greencity.it

Scioglimento dei ghiacci: ecco quanto il fenomeno inficia sul nostro pianeta - di Guglielmo Allochis
biopianeta.it

Il consumo di suolo avanza in Italia al ritmo di 2 metri quadrati al secondo, Rapporto Ispra
fondazionesvilupposostenibile.org

Sussidi alla geotermia, per il ministero dell’Ambiente sono tutti 'ambientalmente favorevoli'
greenreport.it

Rifiuti:Consorzio imballaggi (Conai), Ruini nuovo presidente
ansa.it

Maltempo, Gruppo Cap: 'Da Recovery Fund è opportunità per sicurezza idraulica'
affaritaliani.it

Olio di cocco e danni all'ambiente: le prime reazioni
focus.it

Il Bangladesh scompare sott’acqua Milioni di sfollati - di Alessandra Muglia
corriere.it

Accedi alla rassegna completa
 

www.eso.it

Eso box
Invia ad un amico | Iscriviti alla Newsletter di ESO | Cancellati dalla newsletter
 
Privacy   |   Supporto

www.eso.it - info@eso.it