La newsletter di ESO
Seguici su Twitter Seguici su facebook Seguici su Google+ Seguici su Youtube Seguici su Linkedin


Rassegna del 1 novembre 2018
    

GoGreen Newsletter

Cambiamenti climatici: cinque modi economici per rimuovere la CO2 dall'atmosfera


Cambiamenti climatici: cinque modi economici per rimuovere la CO2 dall'atmosfera

Recenti valutazioni scientifiche sui cambiamenti climatici hanno suggerito che la sola riduzione delle emissioni di anidride carbonica non sarà sufficiente a impedire che le temperature globali raggiungano temperature superiori a 1,5 o 2° C

Il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico ha affermato che l'estrazione di CO2 dall'aria sarà necessaria se vogliamo piegare la curva di aumento della temperatura entro la fine di questo secolo. Quest'dea è, però, controversa ed è vista come una distrazione dalla reale e pressante urgenza di limitazione delle emissioni di CO2.

Una nuova valutazione della US National Academies of Sciences, Engineering and Medicine, tuttavia, afferma che alcune di queste "tecnologie a emissioni negative" sono pronte per essere utilizzate da subito e su larga scala.

Gli autori sottolineano il fatto che il Congresso degli Stati Uniti ha recentemente superato la regola del 45Q tax, che dà un credito d'imposta di 50 dollari per ogni tonnellata di CO2 catturata e immagazzinata. Il loro studio evidenzia alcune tecnologie disponibili tra i 20 e i 100 dollari per tonnellata.

1- Carbonio blu costiero

Questo rapporto afferma che c'è un grande potenziale per aumentare la quantità di carbonio immagazzinato nelle piante e nei sedimenti che si trovano nelle terre paludose vicino alla riva del mare e ai bordi degli estuari dei fiumi. Comprendono mangrovie, zone di marea e praterie di fanerogame marino.
Insieme, queste zone umide contengono gli stock di carbonio per unità di superficie più elevati di qualsiasi ecosistema.
Lo studio delle Accademie nazionali afferma che, creando nuove zone umide e ripristinando e proteggendo queste aree marginali, è possibile immagazzinare più del doppio dell'attuale tasso di carbonio estratto dall'atmosfera.
Inoltre, secondo lo studio, si tratta di un'opzione piuttosto economica, in cui il carbonio può essere catturato per circa 20 dollari a tonnellata.
Gli aspetti negativi, tuttavia ci sono: questi ecosistemi costieri sono alcune delle aree più minacciate della Terra, con circa 340.000-980.000 ettari distrutti ogni anno.
Quando si degradano queste aree, invece di assorbire la CO2, esse stesse diventano fonti significative di emissione di gas.
Un’altra criticità deriva dal fatto che l'innalzamento dei mari in tutto il mondo potrebbe inondare e distruggere le terre paludose. In aggiunta a tutto questo, è necessario prendere in considerazione che non ci sono abbastanza zone costiere.
"Anche se l'ingegneria costiera è molto costosa, il carbonio blu costiero è probabilmente l'opzione di costo più basso che abbiamo", ha detto il Prof. Stephen Pacala, dell'Università di Princeton, che ha presieduto il rapporto.
"Il problema è che la capacità totale non è così grande."

2 - Piantare alberi

La deforestazione globale è stata un fattore significativo nell'aumento delle emissioni di carbonio, per cui i ricercatori ritengono che piantare nuovi alberi o ripristinare le aree perdute sia una tecnologia semplice ed economica che potrebbe essere in espansione in questo momento.
Quasi tutti i paesi si sono impegnati a piantare alberi come modo economico per contenere il carbonio - la relazione afferma che è molto utile fintanto che gli alberi vengono piantati su terreni degradati.
"Il problema è che, a un certo punto, si inizia a competere con la terra per la produzione alimentare", ha detto Phil Renforth dell'Università di Cardiff, Regno Unito, che ha esaminato il rapporto.
"Quindi ci sarà sicuramente bisogno di altro anche all'interno di questo spazio."
La relazione afferma che questo può essere fatto anche per 20 dollari per tonnellata di CO2 o meno. Lo studio richiede inoltre ulteriori ricerche per sviluppare piante coltivate che assorbono e sequestrano più carbonio nei suoli.

3 - Gestione forestale

Oltre a piantare più alberi, la relazione afferma che dobbiamo gestire meglio le foreste esistenti per eliminare più carbonio. Ciò può essere fatto anche per meno di 20 dollari per tonnellata di CO2.
Le tecniche possono includere il rapido ripopolamento delle foreste dopo eventi come gli incendi.
Un passo critico sarebbe quello di estendere la quantità di legname che va a finire nei prodotti in legno a lunga durata e di limitare la quantità che viene bruciata come biomassa nelle centrali elettriche.

4 - Pratiche agricole

La relazione afferma che alcuni semplici cambiamenti nel modo in cui gli agricoltori gestiscono le loro terre possono essere un modo economico ed efficace per eliminare il carbonio dall'aria.
Queste includono la messa a dimora di colture di copertura quando i campi non sono utilizzati per coltivazioni commerciali. Vuol dire coltivazioni con lavorazioni ridotte e comporterà l'aggiunta alla terra di un materiale chiamato biochar, un tipo di carbone ricavato dalla materia vegetale.
"Cambiare le pratiche di gestione agricola offre enormi benefici in termini di fertilità del suolo e di acqua, ma ci sono alcune sfide", ha detto Kelly Levin, esperta nella rimozione del carbonio del World Resources Institute.
"Questi includono la questione chiave di come sia permanente quella ritenzione di carbonio. C'è sempre la sfida della scala: perché queste pratiche abbiano effetto, devi metterle in pratica su un'area molto vasta".
Si tratta di un'opzione più costosa, dice la relazione, tra i 20 e i 100 dollari per tonnellata di CO2.

5 - Energia da biomassa con cattura e stoccaggio del carbonio (BECCS)

L'idea del BECCS è quella di sviluppare colture energetiche che assorbono il carbonio, che vengono poi bruciate per creare elettricità, mentre il gas CO2 emesso viene catturato e sepolto permanentemente nel sottosuolo.
Il BECCS è stato respinto da molti a causa delle enormi quantità di terra che sarebbero state necessarie, fino al 40% della superficie coltivata globale secondo alcuni studi.
Ma questa nuova relazione afferma che la BECCS può fare la differenza ad un costo ragionevole - tra i 20 e i 100 dollari per tonnellata.
Si afferma che il solo fatto di avere BECCS alimentato da prodotti di scarto, potrebbe rimuovere fino a 5 miliardi di tonnellate di CO2 dall'aria - questa è una quantità significativa, ma sarebbe una sfida logistica enorme, che richiede la raccolta e la consegna di tutti i rifiuti agricoli, forestali e municipali economicamente disponibili.
"Se avete dedicato colture bioenergetiche che spostano altri usi della terra, come le foreste o le aziende agricole, la produzione di cibo e fibre si ridurrebbe e potreste aumentare i prezzi dei prodotti di base e guidare realmente la perdita di biodiversità e di servizi ecosistemici", ha detto Kelly Levin del WRI.
"La BECCS deve essere fatta con molta attenzione."

Quali altre idee prende in considerazione la relazione?

Lo studio prende in considerazione anche la cattura diretta dell'aria di CO2 e la mineralizzazione del carbonio.
La captazione diretta dell'aria comporta l'uso di macchine dotate di prodotti chimici in grado di assorbire il carbonio. Finora, alcuni progetti di start-up, come Climeworks in Svizzera e Carbon Engineering in Canada, hanno dimostrato che questo può essere fatto, anche se i costi sono ancora elevati.
La mineralizzazione del carbonio comporta l'esposizione di rocce tra cui il basalto che reagisce con l'anidride carbonica che viene intrappolata, trasformandosi in minerale nei pori della pietra. Questo è stato fatto con successo in Islanda, anche se la tecnica è ancora costosa.
"Queste potrebbero essere nuove armi importanti", ha detto il Prof. Pacala.
"C'è una sostanziale possibilità che meno di 100 dollari a tonnellata per la cattura diretta dell'aria possa essere sviluppata in 10 anni. La probabilità è alta, ma non c'è nessuna garanzia."

Quanto saranno efficaci queste idee?

Il rapporto afferma che le attuali tecnologie che costano meno di 100 dollari a tonnellata possono essere scalate in modo sicuro e immagazzinare grandi quantità di carbonio, ma molto meno di quanto sia necessario per evitare pericolosi cambiamenti climatici.
Per rispettare l'accordo di Parigi sul clima - con un aumento della temperatura globale al di sotto dei 2°C - circa 20 miliardi di tonnellate di CO2 dovrebbero essere rimosse dall'atmosfera ogni anno entro il 2100. Le tecnologie valutate nella relazione eliminerebbero "significativamente meno di 10 miliardi di tonnellate di CO2".

Se troviamo una tecnologia economica per l'eliminazione della CO2, le persone non continueranno ad utilizzare combustibili fossili?

La relazione riconosce che esiste un significativo "rischio morale" in questo caso.
"Se si presenta il canto della sirena delle emissioni negative, diminuisce la volontà dell'umanità di investire nella mitigazione necessaria per ridurre le emissioni - una preoccupazione che abbiamo discusso in ogni riunione", ha detto il Prof. Pacala.
"Siamo un comitato accademico e il nostro compito è quello di proporre al pubblico tutte le opzioni che sarebbero disponibili - e garantisco che più ampio è il portafoglio di strumenti che possiamo mettere in campo, più facile sarà il lavoro e minore sarà l'aumento di temperatura che l'umanità subirà.
"Il nostro compito è quello di portare l'opportunità al pubblico con la piena consapevolezza che questo rischio morale esiste".

 

Nunzia Vallozzi

Ufficio Stampa Web - ESO

 

Fonte e photo credits: BBC




Torna alle notizie GOGREEN




Rassegna del 1 novembre 2018
 
8 di 24 della rassegna...
    
SEME DEL BUON ANTROPOCENE: A Roma il murales mangia-smog, è il più grande d'Europa
Fonte: Repubblica, 27 ottobre 2018

Nel Nord Italia il 95% degli europei a rischio per lo smog
Fonte: ANSA, 29 ottobre 2018

Maltempo: quali sono le cause dei fenomeni sempre più estremi?
Fonte: CORRIERE DELLA SERA, 30 ottobre 2018

Un nuovo studio lancia l'allarme: i mozziconi di sigaretta inquinano il mare ancora più della plastica
Fonte: meteo.it, 28 ottobre 2018

Dall'Europarlamento acqua potabile più sicura e per tutti
Fonte: ANSA, 27 ottobre 2018

Milano: apre la Biblioteca degli alberi, 95mila metri quadri di verde a Porta Nuova
Fonte: Repubblica, 27 ottobre

Inquinamento auto: in Italia netto calo delle emissioni nocive di CO2
Fonte: Motori.it, 26 ottobre 2018

L’inquinamento ambientale uccide in Europa 556mila persone l’anno e nel mondo 7 milioni. A Ginevra la prima Conferenza globale sul tema
Fonte: Quotidiano Sanità, 28 ottobre 2018

Accedi alla rassegna completa
 

www.eso.it

Eso box
Invia ad un amico | Iscriviti alla Newsletter di ESO | Cancellati dalla newsletter
 
Privacy   |   Supporto

www.eso.it - info@eso.it