ESO - Società Benefit arl - P.IVA IT 13288930152
cover-small
Home / Normative /Pubblicata Prassi UNI/PdR 139:2023: plastiche derivanti da trattamento RAEE

20/01/2023

Pubblicata Prassi UNI/PdR 139:2023: plastiche derivanti da trattamento RAEE

La prassi di riferimento UNI/PdR 139:2023 “Materie plastiche derivanti dal trattamento di rifiuti elettrici ed elettronici – Requisiti per trattamento e modalità di verifica“ è stata pubblicata il 12 gennaio 2023 con lo scopo di definire i requisiti per la corretta gestione delle materie plastiche derivanti dal trattamento dei rifiuti elettrici ed elettronici fino al recupero come materiale da utilizzare nei successivi processi produttivi.

 

La prassi propone un modello per garantire un corretto smaltimento dei rifiuti, in assenza di sostanze inquinanti per l’ambiente e per la sicurezza degli operatori, nonché per garantire il recupero mediante trattamento dei RAEE al fine di poterne poi utilizzare i materiali riciclati alla luce del miglioramento e affinamento delle tecnologie di recupero dei rifiuti.

 

Attraverso la nuova Prassi, Uni prevede l’inizio di un percorso di trattamento sostenibile dei RAEE, in applicazione dei principi di economia circolare. Il documento consiste pertanto nella descrizione prettamente tecnica delle modalità o dei modelli applicativi di norme tecniche settoriali per la corretta gestione dei RAEE. Decorsi due anni dalla pubblicazione, UNI valuta se sviluppare un documento normativo. Comunque, dopo cinque anni dalla pubblicazione, le Prassi possono essere convertite in norma UNI, oppure vengono ritirate.

 

La prassi di riferimento è stata elaborata dal Tavolo “Plastiche derivanti dal trattamento di rifiuti elettrici ed elettronici - Trattamento adeguato e modalità di verifica” condotto da UNI e costituito da: Loris Cicero - Project Leader (Pegaso Ambiente), Fabio Bignotti (Università degli Studi di Brescia), Alberto Bravo (Stena Recycling), Veronica Calini (Consorzio ECOLIGHT), Leonardo Colapinto (Consorzio ECOPED), Enrico Fiorotto (Versalis), Marco Sala (Stena Recycling), Gian Domenico Savio (Consorzio ECOLIGHT), Enrico Scantamburlo (Arpav), Stefania Tesser (Arpav).

 

Francesca Allocco

avvocato esperto di diritto ambientale