La newsletter di ESO
Seguici su Twitter Seguici su facebook Seguici su Google+ Seguici su Youtube Seguici su Linkedin


Rassegna del 15 novembre 2018
    

GoGreen Newsletter

Smog, a Milano livelli di particelle inquinanti due volte superiori ai limiti


La mappa interattiva mostra "concentrazioni tanto alte da poter causare danni alla salute anche con brevi esposizioni"

Chi vive e lavora a Milano respira concentrazioni di particelle inquinanti che raggiungono livelli molto superiori ai limiti di legge e alle soglie previste dall’Oms. Si parla di una concentrazione di PM10 che nel capoluogo lombardo oltrepassa, in media, i 91 microgrammi per metro cubo, più del doppio rispetto al limite annuo di 40 microgrammi per metro cubo. Lo rivela il report di Cittadini per l’aria Onlus.

Il 28 e il 29 settembre l'associazione aveva invitato i cittadini milanesi a pedalare su tandem muniti di contatori ottici di particelle per la ciclostaffetta "Gambe all'aria". I partecipanti hanno percorso oltre 60 km in diversi luoghi della città, lungo strade più e meno trafficate, accompagnati dai volontari del Politecnico di Milano e ai tecnici di XEarPro che hanno supportato il monitoraggio. Ne è nata una mappa interattiva che mostra la variazione del particolato presente in atmosfera nelle varie zone percorse.

I risultati delle rilevazioni arrivano nello stesso giorno in cui si conclude lo European Diesel Summit a Bruxelles ed evidenziano che anche le concentrazioni di PM2.5 sforano le soglie previste, raggiungendo in media i 41 microgrammi per metro cubo, quattro volte più alte dei valori prescitti dall’Organizzazione mondiale della sanità. Le concentrazioni riscontrate di particolato (PM10, PM2.5, PM1) sono "tanto alte - spiega l'associazione - da poter causare, come dimostrato da ricerche epidemiologiche recenti, danni alla salute anche a seguito di brevi esposizioni".

I livelli rientrano però nei limiti di legge all’interno delle aree pedonali, zone che, secondo le associazioni ambientaliste, dovrebbero essere aumentate nelle città. "Le amministrazioni sanno che il danno sui cittadini è conseguenza del loro agire - dice dice Anna Gerometta, presidente di Cittadini per l’Aria - ma avrebbero la strada spianata: un sondaggio europeo pubblicato pochi giorni fa da Ipsos indica che gli italiani sono la popolazione europea più disponibile all’istituzione delle zone a traffico limitato, con un 74% di cittadini favorevoli".

 

Fonte: TGCOM24, 6 novembre 2018




Torna alle notizie GOGREEN




Rassegna del 15 novembre 2018
 
8 di 23 della rassegna...
    
DA ECOMONDO: ESO presenta i nuovi servizi back to work, esosport balls e l'impianto di ESO RECYCLING


A Genova prosegue la raccolta di vecchie scarpe sportive: dall’upcycling nasce un nuovo “Giardino di Betty” presso i Giardini Marco e Dino Risi in Corso Firenze


VOTA L'Associazione Gogreen - onlus, candidata al Premio AICA, l'Oscar della Comunicazione Ambientale 2018


SEME DEL BUON ANTROPOCENE: Presentato il primo “impianto eolico di comunità”. ènostra: “Lavoriamo a un modello dal basso, sganciato dalle dinamiche del petrolio”
Fonte: GREENEWS, 6 novembre 2018

DA ECOMONDO: Economia, il futuro è sempre più circolare: Italia in pole position in Europa
Fonte: QuiFinanza, 10 novembre 2018

DA ECOMONDO: Il “fishing for litter” per combattere la plastica nei fondali
Fonte: WISE SOCIETY, 12 novembre 2018

Ci sarà abbastanza acqua in futuro?
Fonte: Focus, 12 novembre 2018

Raccolta differenziata e riciclo: benefici e vantaggi
Fonte: sky tg24, 12 novembre 2018

Accedi alla rassegna completa
 

www.eso.it

Eso box
Invia ad un amico | Iscriviti alla Newsletter di ESO | Cancellati dalla newsletter
 
Privacy   |   Supporto

www.eso.it - info@eso.it