La newsletter di ESO
Seguici su Twitter Seguici su facebook Seguici su Google+ Seguici su Youtube Seguici su Linkedin


Rassegna del 5 Settembre 2019
    

GoGreen Newsletter

Sergio Costa ministro dell’Ambiente del nuovo Governo


Sergio Costa ministro dell’Ambiente del nuovo Governo

Per il generale di brigata dei Carabinieri arriva la riconferma al dicastero che, sotto la sua guida, è diventato “plastic free”. Nei primi anni Duemila ha guidato l'inchiesta sulla Terra dei Fuochi dando il via al primo filone d'indagine

 


Con la nascita del Conte-bis, una delle riconferme della squadra di governo è quella di Sergio Costa, generale di brigata dei Carabinieri Sergio Costa che resta al timone del ministero dell'Ambiente. Napoletano, nato il 22 aprile 1959, all’inizio degli anni Duemila - nel ruolo di comandante regionale della Forestale in Campania - ha guidato l'inchiesta sulla Terra dei Fuochi, individuando per primo, nel Casertano, una discarica abusiva e dando così il via al primo filone d'indagine.

Gli studi e la carriera

Sposato e con due figli, laureato in Scienze Agrarie e con un master in Diritto dell'ambiente, è stato comandante regionale del Corpo forestale dello Stato, fino allo scioglimento il 31 dicembre 2016 e all’accorpamento nell’Arma. Costa si è occupato anche delle discariche abusive nel Parco del Vesuvio e ha condotto indagini sul traffico internazionale dei rifiuti, in collaborazione con la Direzione nazionale antimafia.

Gli obiettivi raggiunti da ministro

Durante il precedente mandato ha dato un forte impulso alle campagne contro la plastica monouso: il ministero dell'Ambiente è divenuto "plastic free" e l'esempio è stato poi seguito da diverse altre istituzioni. Altro obiettivo raggiunto dal ministro è stato il bando per progetti sull'educazione ambientale nelle scuole per i quali è stato stanziato un fondo di 330 mila euro. Ancora, fra gli impegni mantenuti c'è la nuova commissione Via-Vas. In prima linea sulla tutela del mare, ha anche preparato la legge Salvamare. Poi ha promosso la battaglia ai rifiuti spingendo per il riciclo e ha preteso il rispetto delle prescrizioni ambientali per l'Ilva di Taranto. Tuttavia, il delicatissimo dossier sul deposito nazionale delle scorie nucleari, condiviso con il ministero dello Sviluppo, non riesce ancora ad andare avanti.

 




Torna alle notizie GOGREEN




Rassegna del 5 Settembre 2019
 
8 di 11 della rassegna...
    
Alimentazione: dieta vegan per aiutare ambiente? Rischi per cervello
androkonos.it

La Svizzera annuncia l’obiettivo zero emissioni per il 2050
rinnovabili.it

Ambiente, crescono le startup innovative: nel Bresciano sono 40
giornaledibrescia.it

Ambiente, il governatore Emiliano libererà dalla plastica i fondali delle Tremiti con un gruppo di ragazzi non vedenti
ilikepuglia.it

32 grosse aziende di moda firmeranno un patto per ridurre il proprio impatto sull’ambiente
ilpost.it

Articolo Dublino, 3 settembre 2019 Irlanda sempre più verde: pianterà 440 milioni di alberi nei prossimi 20 anni
rinnovabili.it

Brucia l’Amazzonia, brucia il nostro futuro. E la causa non è (solo) Bolsonaro, siamo anche noi
internationalwebpost.org

Il mito della “crescita verde” porterà al collasso ecologico, di Francesco Panié
lastampa.it

Accedi alla rassegna completa
 

www.eso.it

Eso box
Invia ad un amico | Iscriviti alla Newsletter di ESO | Cancellati dalla newsletter
 
Privacy   |   Supporto

www.eso.it - info@eso.it