Eso Società Benefit Arl, società specializzata nella gestione rifiuti

Lo scioglimento dei ghiacci della Groenlandia vicino a un punto di non ritorno

20/02/2019

greenland is melting away 1445874079735 videoLarge

In uno studio pubblicato recentemente, gli scienziati hanno dichiarato che l'enorme strato di ghiaccio della Groenlandia si sta sciogliendo a un ritmo così rapido che potrebbe già aver raggiunto un "tipping point" (soglia climatica) e potrebbe diventare un fattore importante nell'innalzamento del livello del mare in tutto il mondo entro due decenni

L'Artico si sta riscaldando in una misura pari al doppio della media del resto del pianeta e la nuova ricerca aggiunge alla prova che la perdita di ghiaccio in Groenlandia sta accelerando con l'aumento del riscaldamento. Gli autori hanno scoperto che la perdita di ghiaccio nel 2012, più di 400 miliardi di tonnellate all'anno, era quasi quattro volte il tasso del 2003. Dopo un periodo di stasi nel 2013-14, le perdite hanno cominciato nuovamente a manifestarsi.

Lo studio è l'ultimo di una serie di articoli pubblicati questo mese che suggeriscono che le stime scientifiche degli effetti di un pianeta in fase di riscaldamento sono state fino a questo momento troppo prudenti. Appena una settimana fa, un altro studio sulla perdita di ghiaccio in Antartide ha scoperto che il continente contribuisce all'innalzamento del livello del mare più di quanto si pensasse in precedenza.

Una recente nuova analisi ha evidenziato che gli oceani si stanno riscaldando molto più velocemente di quanto stimato in precedenza. Il riscaldamento degli oceani è attualmente la causa principale dell'innalzamento del livello del mare, poiché l'acqua si espande man mano che si riscalda.

I ricercatori hanno dichiarato che questi risultati sottolineano la necessità di agire per ridurre le emissioni di gas di riscaldamento del pianeta ed evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico.

L'innalzamento del livello del mare è una delle conseguenze più evidenti del riscaldamento globale, causato sia dall'espansione termica degli oceani che dallo scioglimento delle calotte di ghiaccio sulla terraferma. Secondo le proiezioni attuali, se il pianeta si riscalda di 2 gradi Celsius (3,6 gradi Fahrenheit), il livello medio del mare aumenterà di oltre 60 cm e milioni di persone, si stima tra 32 e 80, saranno esposte alle inondazioni costiere.

Gran parte delle precedenti ricerche sui ghiacci della Groenlandia si è occupata delle parti sud-est e nord-est dell'isola, dove grandi blocchi di ghiaccio “partoriscono” in mare. Il nuovo documento si concentra sui tratti ricoperti di ghiaccio della Groenlandia sudoccidentale, che ha pochi grandi ghiacciai e non è stata generalmente considerata una fonte importante di perdita di ghiaccio.

Ma quando la terra si scalda, conclude il documento, le vaste pianure dei ghiacci sudoccidentali si sciolgono sempre di più, con l'acqua di fusione che scorre verso l'oceano. Entro due decenni, si dice, la regione "diventerà uno dei principali fattori che contribuiranno all'innalzamento del livello del mare".

Lo studio, che compare negli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze, ha utilizzato dati satellitari e strumenti a terra per misurare la perdita di ghiaccio della Groenlandia nel XXI secolo. Ha esaminato attentamente quello che sembrava essere una pausa nella perdita di ghiaccio per circa un anno, a partire dal 2013, che ha seguito un tratto di scioglimento molto accelerato.

I ricercatori hanno legato la pausa di scioglimento ad un'inversione del fenomeno ciclico noto come l'Oscillazione del Nord Atlantico. Prima della pausa, l'oscillazione era in quella che è nota come la sua fase negativa, che è associata con l'aria più calda che colpisce la Groenlandia occidentale, insieme a meno nevicate e più luce solare, che contribuiscono alla perdita di ghiaccio. Quando il ciclo si è spostato in una fase positiva nel 2013, si è verificato un "brusco rallentamento" dello scioglimento.

Eppure, il rallentamento è stata tutt'altro che una buona notizia, ha detto Michael Bevis, l'autore principale del documento e professore alla Scuola di Scienze della Terra della Ohio State University.

L'oscillazione del Nord Atlantico si è verificata in tutto il record storico, ha osservato. Ma prima del 2000, le temperature medie complessive erano abbastanza fresche da far sì che i cicli positivi e negativi del N.A.O. (North Atlantic Oscillation) non avessero un grande effetto sui tassi di fusione in Groenlandia.

Ora, il forte effetto che il ciclo di raffreddamento ha avuto sul tasso di fusione - anche se è stato utile per fermare la perdita di ghiaccio - è un motivo di preoccupazione, ha detto Bevis. Se i cicli caldi dell'N.A.O. sono associati a enormi perdite di ghiaccio e i cicli freddi interrompono solo la fusione, ciò suggerisce che è stata raggiunta una soglia: con l'ulteriore aumento delle temperature medie, lo scioglimento sarà più sostenuto e i cicli di raffreddamento avranno un effetto minore nel rallentare la perdita di ghiaccio.

"Se un ciclo relativamente piccolo può causare uno scioglimento massiccio", ha dichiarato Bevis, "significa che hai raggiunto un punto di sorprendente sensibilità" alle temperature più calde, che potrebbe rappresentare il tipping point, "il punto di non ritorno". E così, ha continuato, "Un grado di riscaldamento in futuro avrà un impatto maggiore di un grado di riscaldamento nel secolo scorso".

La nuova ricerca si integra con altre recenti pubblicazioni sulla fusione accelerata. Il mese scorso un team di ricercatori ha pubblicato un articolo su Nature che ha utilizzato osservazioni satellitari, analisi di calotte di ghiaccio e modelli per dimostrare che le perdite dalla calotta di ghiaccio della Groenlandia hanno raggiunto il loro tasso più veloce in almeno 350 anni.

All'altro capo della terra, anche la velocità della perdita di ghiaccio in Antartide sta diventando più chiara. Uno studio pubblicato la scorsa settimana, anche negli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze, ha esaminato quattro decenni di dati e ha trovato perdite più rapide in alcune regioni di quanto gli scienziati avessero precedentemente stimato.

Il continente ha presentato una storia mista negli ultimi anni, con ricercatori che misurano perdite sostanziali in alcune regioni ma stabilità e persino guadagni in altre. Ma il nuovo articolo ha trovato notevoli perdite di ghiaccio nell'Antartide orientale, precedentemente considerato relativamente stabile. Nel complesso, l'Antartide ha perso circa 40 miliardi di tonnellate di ghiaccio all'anno negli anni '80, ma ha perso circa 250 miliardi di tonnellate all'anno nell'ultimo decennio.

Questo nuovo articolo si aggiunge a un corpo di ricerche recenti che dimostrano che la perdita di ghiaccio in Antartide sta accelerando, compreso uno studio di giugno 2018 che ha scoperto che il tasso è triplicato dal 2007. Gli scienziati stimano che lo scioglimento dell'Antartide contribuirà all'innalzamento del livello del mare di circa 15 cm entro il 2100.

Luke D. Trusel, un glaciologo dell'Università di Rowan e autore dell'articolo sulla Groenlandia pubblicato su Nature, ha affermato che la nuova ricerca di Bevis e dei suoi colleghi "fornisce una chiara e ulteriore illustrazione di quanto la Groenlandia sia ora sensibile" al riscaldamento globale. Ciò che sta accadendo oggi va ben oltre la portata di ciò che ci si potrebbe aspettare naturalmente", ha affermato. "L'impronta umana sulla Groenlandia che si scioglie oggi è inequivocabile".

Tuttavia, ha aggiunto, la maggior parte delle stime di “un punto di non ritorno” per la perdita di ghiaccio in Groenlandia citano temperature medie più elevate di quelle che si stanno verificando attualmente, più verso le linee di 1,5 o due gradi Celsius al di sopra dei livelli preindustriali. Le temperature medie globali sono già aumentate di circa un grado Celsius (1,8 gradi Fahrenheit).

Una co-autrice di Nature, Sarah B. Das, una scienziata della Woods Hole Oceanographic Institution, ha concordato sul fatto che lo studio di Bevis ha rafforzato le conclusioni del suo team e ha mostrato "quanto velocemente la Groenlandia stia scomparendo". La scoperta comune, ha affermato, è che il cambiamento climatico ha portato la Groenlandia ad uno stato in cui "un po' di spinta avrà un impatto fuori scala," causando un enorme scioglimento.

Ma, ha specificato, "mi oppongo all'uso del 'punto di non ritorno' per descrivere l'accelerazione della perdita di massa che la Groenlandia sta vivendo", perché dice di aver visto le ragioni della speranza.

 Trusel ha concordato sul fatto che parlare di “tipping point” potrebbe svalutare la capacità degli esseri umani di mitigare il riscaldamento globale. "Potremmo ancora essere in grado di controllare quanto velocemente lo strato di ghiaccio cambierà in futuro", ha affermato. "Limitando le emissioni di gas serra limitiamo il riscaldamento, e quindi limitiamo anche la rapidità e l'intensità con cui la Groenlandia influenza i nostri mezzi di sussistenza attraverso l'innalzamento del livello del mare", ha aggiunto. "Questo, a quanto pare, è ciò che siamo chiamati a fare".

 

Nunzia Vallozzi

Ufficio Stampa Web - ESO

 

Fonte e photo credits: The New York Times

Torna all'elenco delle news

Eso contatti

  • Via Giuseppe Ungaretti 27
    | 20090 OPERA MI

  • T (+39)02.530.111 R.A.
    F (+39)02.530.11.209

  • info@eso.it

Numeri verdi

  • Assistenza tecnica
  • informazioni commerciali
  • Servizio prese

Dati fiscali

  • Società Benefit arl
    Capitale Sociale Euro 300.000,00

  • P.IVA IT 13288930152 - C.F. 13288930152
    R.E.A. 1636344

  • PEC info@pec.esoweb.it

Iscrizioni albo

  • Iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali
    Sezione Regione Lombardia - Iscrizione n° MI31797
    Iscritto all'Albo Nazionale per il Trasporto Conto Terzi
    Iscrizione n° MI-0884798-E.

Certificazioni

certificazione ido 9001 + 14001 certificazione 18001 + ohsas
certificazioni it