Eso Società Benefit Arl, società specializzata nella gestione rifiuti

Kamikatsu: la prima comunità al mondo senza spazzatura

09/02/2018

kamikatsu senza spazzatura 03

Kamikatsu, una città di montagna nel sud-ovest del Giappone, sta reinventando ciò che significa essere una comunità moderna. Non ci sono camion della spazzatura per le strade e non si incontra una discarica per centinaia di chilometri. I 1.500 cittadini di Kamikatsu si assumono la responsabilità di riciclare, riutilizzare e compostare quasi tutta la loro spazzatura.

Tutto è iniziato nel 2003, quando il governo ha posto l’attenzione sull'impatto umano e ambientale degli inceneritori di rifiuti della città. Insieme ai cittadini, hanno escogitato un'altra soluzione: smettere di produrre rifiuti. È più facile a dirsi che a farsi, ma la città Kamikatsu sta raggiungendo l’obiettivo rifiuti zero entro il 2020, con l'80% di tasso di riciclaggio (rispetto a un tasso di riciclaggio del 34% in America).

L'approccio di Kamikatsu verso la gestione dei rifiuti è unico e spettacolare. Diamo uno sguardo alle iniziative sostenibili della città per vedere come potremmo emularle, seppure in parte.

La gestione dei rifiuti delle famiglie

Poiché Kamikatsu non ha camion della spazzatura, ogni residente deve lavare, organizzare e conferire la propria spazzatura in un centro di riciclaggio centrale. E non la organizzano solo in due o tre contenitori come avviene, ad esempio, negli Stati Uniti: dispongono la loro spazzatura in ben 34 categorie, separando tutto, dalle lattine d'acciaio alle bombolette spray, dal cartone ai giornali, dagli accendini ai rasoi. Tutti i materiali vengono lavati perfettamente e tutti gli scarti di cibo sono compostati. Sebbene questo sistema possa sembrare eccessivo rende il processo di riciclaggio molto più semplice e conseguentemente economico.

La gente del posto organizza i propri rifiuti in un modo che definiremmo quasi affascinante. Sanno esattamente cosa fare con ogni materiale su cui mettono le mani, gettandolo in scatole e borse con una diligenza quasi robotica.

 

Kamikatsu senza spazzatura

"All'inizio è stato difficile ed eravamo contrari all'idea", spiega Hatsue Katayama, un residente di Kamikatsu, ma poi aggiunge che il sistema diventa normale una volta che ci si abitua. "Ora non ci penso, è naturale separare correttamente la spazzatura."

Quindi, come possiamo prendere spunto da Kamikatsu e trovare la motivazione per riciclare in modo più efficace? Pensalo come un gioco. Guarda i rifiuti che stai producendo e prendi nota mentalmente degli oggetti che butti via continuamente e valuta se riesci a trovare un modo per sostituirli.

Pensando di più a quello che stai buttando via potresti imparare a essere un po’ più responsabile nei tuoi acquisti.

Le stazioni della spazzatura di Gomi

Le stazioni di Gomi, o stazioni della spazzatura, sono i luoghi in cui i residenti di Kamikatsu conferiscono i rifiuti selezionati per essere ulteriormente lavorati. Lì, un lavoratore sovrintende al processo di smistamento e i volontari smistano i rifiuti per gli anziani e chiunque altro non sia in grado di farlo autonomamente. Le segnaletiche sui contenitori indicano alle persone dove gettare i rifiuti, come ogni materiale verrà recuperato e quanti soldi la città sta risparmiando grazie al processo di riciclo. Akira Sakano, vice-capo della Zero Waste Academy, che controlla le stazioni, stima che Kamikatsu abbia ridotto i costi di gestione dei rifiuti fino al 60% con questo sistema.
Akira Sakano pensa che questi segni siano la chiave del successo del programma. Dicendo ai residenti come le bacchette usa e getta saranno riciclate in materiale cartaceo, come le lattine di alluminio saranno vendute per 155 yen e come gli occhiali e le ceramiche saranno usati nei progetti di costruzione, la Zero Waste Academy li sta coinvolgendo e creando una comunità intorno allo smaltimento dei rifiuti.

I negozi di Kurukuru

Le stazioni Gomi non sono la destinazione finale di tutto a Kamikatsu. Gli abitanti delle città generano spesso rifiuti di valore più elevato (vestiti strappati e giocattoli rotti) che conferiscono ai negozi di Kurukuru o ai negozi di ceramiche, per essere trasformati in nuovi oggetti da artigiani locali. Da lì, vengono restituiti al proprietario originale o venduti in un negozio adiacente.
Questo sistema di riutilizzo comune è in realtà relativamente facile da implementare e altri negozi di questo genere in tutto il mondo stanno già prendendo piede. Repair Cafés, un'iniziativa che Martine Postma ha dato il via ad Amsterdam nel 2009, incoraggia i visitatori a dare nuova vita a oggetti rotti insieme a specialisti delle riparazioni. Anche se non hai nulla da riparare, ti fermi per una tazza di tè o caffè e ricevi alcuni consigli e tecniche. Questi luoghi, di cui oggi se ne contano circa 1.252 in tutto il mondo, soprattutto nei Paesi Bassi e in Germania, promuovono l'importanza dell'artigianato e ricordano alle persone di valorizzare tutto ciò che possiedono.

Postma ha visto il suo concetto diffondersi in Canada e negli Stati Uniti, dove attualmente ci sono caffè “riparatori” in 11 stati. "Sempre più persone hanno l'idea che dovremmo smettere di sprecare risorse preziose e che dovremmo tornare a un uso prudente dei prodotti", dice Postma. Nota anche che, sebbene inizialmente popolare tra gli anziani, i suoi negozi stanno rapidamente cogliendo sempre più consenso anche tra i più giovani.

Birrerie e ristoranti

L'innovazione verde arriva anche alle imprese locali di Kamikatsu, con ristoranti come Cafe Polestar e Rise & Win.

Cafe Polestar non lascia tovaglioli di carta sui suoi tavoli e non stampa le ricevute, a meno che un cliente non ne faccia esplicitamente richiesta. I dipendenti utilizzano le loro borse della spesa riutilizzabili per acquistare ingredienti locali e stagionali per essere trasformati in alimenti base come curry e zuppe.

Rise & Win è un birrificio realizzato in legno di mulino riciclato, costellato di lampadari fatti di vecchie bottiglie appese su tavoli e sedie usate. Lo spazio ha anche un grande magazzino che vende frutta secca, noci e pasta non confezionati, ma al peso, e invita gli acquirenti a portare i propri contenitori per la conservazione da casa. Anche le semplici uniformi indossate dai dipendenti sono realizzate con materiali riciclati.

 

Kamikatsu senza spazzatura

Questo concetto di ristoranti e menu eco-compatibili sta diventando sempre più alla moda in tutto il mondo. Non è difficile trovare un ristorante a Brooklyn che non abbia una serie di bottiglie di vetro e vasi Mason in mostra, e pionieri culinari come Dan Barber che stanno portando la mentalità zero rifiuti nei nostri piatti, con le loro deliziose interpretazioni realizzate con avanzi di cibo. In Inghilterra, il caffè Silo acquista direttamente dagli agricoltori, optando per mobili realizzati con materiali riciclati. Il suo motto? "I rifiuti sono un fallimento dell'immaginazione".

C'è così tanto da imparare dal Kamikatsu e dalle comunità di tutto il mondo che adottano simili strategie di riduzione dei rifiuti. Più di ogni altra cosa, mostrano che non c'è nulla di più forte di un gruppo di persone unite da un obiettivo comune. Ci sono così tante piccole azioni che possiamo intraprendere per fare la differenza e che si intensificano ancora di più quando anche altri si uniscono.

 

 

Nunzia Vallozzi

Ufficio Stampa Web - ESO

 

Photo credits: mbgplanet

 


Torna all'elenco delle news

Eso contatti

  • Via Giuseppe Ungaretti 27
    | 20090 OPERA MI

  • T (+39)02.530.111 R.A.
    F (+39)02.530.11.209

  • info@eso.it

Numeri verdi

  • Assistenza tecnica
  • informazioni commerciali
  • Servizio prese

Dati fiscali

  • Società Benefit arl
    Capitale Sociale Euro 300.000,00

  • P.IVA IT 13288930152 - C.F. 13288930152
    R.E.A. 1636344

  • PEC info@pec.esoweb.it

Iscrizioni albo

  • Iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali
    Sezione Regione Lombardia - Iscrizione n° MI31797
    Iscritto all'Albo Nazionale per il Trasporto Conto Terzi
    Iscrizione n° MI-0884798-E.

Certificazioni

certificazione ido 9001 + 14001 certificazione 18001 + ohsas
certificazioni it