Eso Società Benefit Arl, società specializzata nella gestione rifiuti

Siamo sulla buona strada per creare un mondo sostenibile entro il 2050?

20/04/2018

Cinque anni fa, nel suo libro The World We Made Jonathon Porritt immaginava un mondo sostenibile entro il 2050. In questa intervista, Porritt passa in rassegna i progressi fatti fino a questo momento, afferma che l'Europa si è sbagliata sull’olio di palma e critica la scelta delle banche di finanziare il carbone.

Sono passati cinque anni da quando Jonathon Porritt, co-fondatore e direttore del Forum for the Future, ha predetto che il mondo sarebbe stato sano, prospero e sostenibile entro il 2050, se l'umanità avesse fatto le scelte giuste.
Nel suo libro The World We Made, Porritt ha descritto un futuro in cui danneggiare l'ambiente sarebbe diventato un crimine, la malaria sarebbe stata sradicata, il mondo avrebbe usato 4 milioni di barili di petrolio al giorno (in calo rispetto ai 96 milioni di barili usati ogni giorno nel 2016) e i consumatori avrebbero mangiato solo pesce di provenienza sostenibile.

Quanto è fiducioso Porritt ora, nell'era del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, delle emissioni di carbonio che continuano a salire e della plastica nella nostra acqua potabile?
Porritt ha parlato con Eco-Business presso l'SDG Collaborative di Singapore per esaminare ciò che sta ostacolando un mondo più sostenibile ed equo e le questioni ambientali che lo riguardano maggiormente.

Siamo sulla strada giusta per soddisfare le previsioni fatte nel tuo libro?

È un quadro misto. Alcune cose si sono mosse nella giusta direzione. Il passaggio a un'economia circolare ha iniziato a farsi strada e l'adozione di veicoli elettrici è passata dalla proprietà privata alla mobilità come servizio in molte città. E il Papa è diventato un sostenitore del programma di sostenibilità nel 2016 (avevo previsto che non sarebbe successo fino al 2018).

Cosa non sta andando secondo i piani?

Guardiamo a ciò che sta accadendo negli Stati Uniti: da una parte il sostegno del presidente Trump per il carbone, dall’altra la rinascita del business del petrolio e del gas. Entro la fine del 2018, gli Stati Uniti produrranno 10 milioni di barili di petrolio al giorno: questo potrebbe renderlo il più grande produttore del mondo.
Inoltre, il passaggio all'agricoltura rigenerativa sostenibile si sta muovendo più lentamente di quanto avessi sperato. Un problema è la concentrazione delle imprese: ci sono alcune grandi aziende globali che controllano un'enorme quantità della catena del valore totale. Queste aziende sono bloccate nella vecchia mentalità produttivista; prendono in considerazione il numero di persone sul pianeta, le proiezioni sulla crescita della popolazione e calcolano la quantità di cibo che pensano sia necessaria, ma non tengono conto delle questioni che incidono sulla produzione, come le emissioni di gas serra, la disponibilità di acqua, l'impatto sulla biodiversità e il degrado del suolo.
Inoltre, non stanno pensando alla nutrizione. Ci sono miliardi di persone che seguono una dieta squilibrata: ricca di grassi, sale e zucchero che provengono da alimenti industrializzati a guida statunitense. È oramai un fenomeno globale confermato dai dati sull’aumento del diabete.

Qual è il problema ambientale che ti preoccupa di più?

L’eccessivo consumo di carne il cui impatto ambientale è stato ben compreso solo negli ultimi quattro anni. La quantità di terra utilizzata per produrre il mangime necessario per allevare gli animali che vengono poi macellati è sconcertante. E il contributo che l'allevamento intensivo e i caseifici stanno apportando ai cambiamenti climatici è incredibile, addirittura superiore a quello che deriva dalla produzione di energia.

Sei un consigliere del gigante malese dell'olio di palma Sime Darby. Come muovi l'ago della sostenibilità in un'azienda del genere?

Sime Darby ha lavorato a un piano di sostenibilità per circa otto anni. È stata una delle prime aziende a nominare un responsabile della sostenibilità, e oggi sono evidenti gli enormi cambiamenti nel modo in cui fanno affari. Hanno siglato un accordo NDPE [no deforestazione, no torba, nessuno sfruttamento] e una Carta responsabile per l'agricoltura che, quando sei un'azienda con una banca fondiaria in Malesia e Indonesia grande quanto quella di Sime Darby, è una sfida enorme. Ha anche una carta dei diritti umani, che è la migliore che abbia mai visto in una società agro-alimentare.
Sono consapevoli che ancora molto si può fare e non pretendono di avere tutte le risposte, ma vendono olio di palma più sostenibile di qualsiasi altra azienda al mondo e vogliono arrivare al 100% (olio di palma sostenibile).
Al momento, un numero crescente di aziende in Europa afferma che i loro prodotti sono migliori perché non contengono olio di palma. Questo è analfabetismo scientifico: i loro prodotti, che contengono una quantità equivalente di olio commestibile, non sono di qualità superiore, più sani o meno dannosi per l'ambiente.
Quello che sta accadendo in Europa, ad esempio il proposto divieto di olio di palma per il biodiesel, è dannoso per gli sforzi volti a persuadere la maggior parte del settore ad assumere impegni di sostenibilità. Le compagnie petrolifere di palma in Malesia e Indonesia si chiedono quale sia il motivo di fare questo sforzo extra e assumersi il costo aggiuntivo per coltivare olio di palma sostenibile.
Rispetto all'industria della soia, che è in gran parte non regolamentata e continua a causare enormi danni ambientali in Sud America, l'industria dell’olio di palma ha ascoltato le critiche e ha accolto le preoccupazioni sulla deforestazione.
È una tragedia che solo il 19% dell'olio di palma commercializzato a livello mondiale sia sostenibile. Le ONG non dovrebbero sprecare il loro tempo in enormi campagne che demonizzano l'olio di palma. Dovrebbero concentrarsi sull'aumento del volume di olio di palma sostenibile certificato che entra nei mercati occidentali.
Ci vuole un evento catastrofico, come l'effetto della foschia del 2015 sull'agribusiness in Indonesia, per cambiare settore?
Guardiamo anche all'industria automobilistica. Non molto tempo fa, il diesel era considerato un tesoro per il motore a combustione interna perché aveva migliori credenziali ambientali rispetto alla benzina. Ma negli ultimi tre anni, è diventato chiaro che il diesel è un grande inquinatore dell'aria e un contributore alle emissioni, una storia che è stata aggravata dal caso Volkswagen. Ora, il diesel deve affrontare una minaccia esistenziale. Le vendite di auto a diesel nel Regno Unito sono diminuite del 17% in un anno e città come Parigi, Città del Messico, Madrid e Atene hanno annunciato che le auto a diesel saranno eliminate per ridurre l'inquinamento atmosferico nei centri urbani. L'industria automobilistica ha ora accettato l'inevitabile transizione dal motore a combustione interna all'elettricità.

L'ultima industria ad essere colpita da un campanello d'allarme esistenziale è quella della plastica. Qual è la tua opinione sul problema?

È da molto tempo che siamo a conoscenza delle conseguenze dannose provenienti dall'enorme aumento della produzione di materie plastiche, ma non avevamo la ricerca emersa negli ultimi cinque anni che mostrano l'impatto delle microsfere e delle microplastiche.
Così ora, ogni azienda coinvolta in imballaggi di plastica sta pensando a come possiamo trovare una formula per usare meno plastica, o sostituti per la plastica. Penso che queste sfide scateneranno un'incredibile innovazione nel settore.

Mentre il carbone è in declino a livello globale, è vero il contrario in Asia. Come rispondete alle persone in Indonesia o in Vietnam che dicono che il carbone è necessario per fornire energia affidabile per la loro gente e non dovrebbero essere giudicati per seguire la rotta dei combustibili fossili mentre si industrializzano?

È un argomento forte. Non creeremo mai un mondo sostenibile se la premessa di partenza è che metà della popolazione dovrà rimanere povera, questo è moralmente inaccettabile. Non possiamo negare a nessun paese il diritto di fornire l'accesso all'energia come condizione fondamentale per migliorare gli standard di vita delle persone.
In Indonesia, uno dei maggiori produttori mondiali di carbone e costruttori di nuove centrali a carbone, fornire energia è difficile, perché si tratta di un paese separato da migliaia di isole, e il carbone potrebbe sembrare l'unica opzione praticabile. Ma una volta costruita una centrale a carbone, devi comunque trasportarla e non tutte le isole indonesiane sono ricche di carbone.
C'è il pericolo che Indonesia e Malesia fraintendano ciò che sta accadendo nei mercati energetici globali. Le politiche sulle fonti rinnovabili nel sud est asiatico sono completamente fuori dal coro.
L'accessibilità non è più il problema. Nell'ultimo decennio, il prezzo medio del solare è calato del 7% ogni anno e le riduzioni dei costi continueranno in modo significativo nel prossimo decennio. Che la Banca Mondiale abbia dichiarato che non finanzierà alcuna nuova centrale a combustibili fossili dopo il 2019 è un'indicazione della velocità con cui sta cambiando il mercato.

Qual è la tua opinione sul ruolo delle religioni nel guidare la conversazione sulla sostenibilità?

C'è un'opportunità preziosa in un approccio basato sulla fede per la sostenibilità. Nel contesto religioso, la sostenibilità riguarda la responsabilità personale e l'impegno a proteggere il lavoro di Dio, l'ambiente naturale. Il Corano, per esempio, è pieno di esortazioni ispiratrici per prendersi cura della natura.

Quanto sei fiducioso o ottimista per il futuro?

Non sono un ottimista perché penso che gli ottimisti tendono a non guardare il mondo come è realmente. Ma sono pieno di speranza rispetto al fatto che questa sia una transizione che possiamo raggiungere, perché non abbiamo scelta.
Ciò che ci salverà riguarda l'applicazione e l'innovazione. Abbiamo già molta della tecnologia di cui abbiamo bisogno, ma dobbiamo applicarla più velocemente e meglio.

 

Nunzia Vallozzi

Ufficio Stampa Web - ESO

 

Fonte e photo credits: Eco-Business

Torna all'elenco delle news

Eso contatti

  • Via Giuseppe Ungaretti 27
    | 20090 OPERA MI

  • T (+39)02.530.111 R.A.
    F (+39)02.530.11.209

  • info@eso.it

Numeri verdi

  • Assistenza tecnica
  • informazioni commerciali
  • Servizio prese

Dati fiscali

  • Società Benefit arl
    Capitale Sociale Euro 300.000,00

  • P.IVA IT 13288930152 - C.F. 13288930152
    R.E.A. 1636344

  • PEC info@pec.esoweb.it

Iscrizioni albo

  • Iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali
    Sezione Regione Lombardia - Iscrizione n° MI31797
    Iscritto all'Albo Nazionale per il Trasporto Conto Terzi
    Iscrizione n° MI-0884798-E.

Certificazioni

certificazione ido 9001 + 14001 certificazione 18001 + ohsas
certificazioni it