Eso Società Benefit Arl, società specializzata nella gestione rifiuti

In che modo l'UE può adottare un’economia circolare della plastica?

24/08/2018

GOV27 A Furfari 6111 696x392

 

Antonino Furfari, Managing Director di Plastics Recyclers Europe (PRE), evidenzia le principali sfide da superare per far sì che tutte le materie plastiche rispondano alle ambizioni dell'economia circolare dell'UE

Per far fronte all’urgenza di cambiare il modo in cui produciamo, consumiamo e smaltiamo i nostri rifiuti, è necessario che sempre più settori tra loro differenti adottino il modello di economia circolare. Ciò è particolarmente importante quando consideriamo il settore della plastica, la cui gestione dei rifiuti chiede prepotentemente di essere riprogettata e migliorata. Secondo la Commissione europea, ogni anno gli europei generano 25 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. Tuttavia, meno del 30% viene raccolto per il riciclaggio e ancora meno effettivamente completa il processo di riciclaggio. Su scala globale, l'85% dei rifiuti in spiaggia in tutto il mondo è costituito da plastica. Queste cifre sottolineano l'importanza di un approccio circolare alla plastica.

Ancora oggi, la plastica viene raccolta in modo improprio e spesso finisce nell'ambiente naturale dopo lo smaltimento. Per rendere circolare la plastica, sono fondamentali una maggiore raccolta, uno smistamento efficiente, un riciclaggio di qualità e una completa riciclabilità dei prodotti.
Una strategia per rendere la plastica circolare

Tuttavia, è bene ricordare che le materie plastiche migliorano la nostra vita quotidiana: ci forniscono soluzioni leggere per il trasporto, protezione per i nostri alimenti e consentono l'innovazione in medicina e nelle nuove tecnologie. Grazie al loro ruolo multifunzionale, stanno già contribuendo in un certo senso all'economia circolare. C’è ancora spazio, però, per apportare dei miglioramenti nel modo in cui la plastica viene prodotta e gestita. Oggi, dobbiamo garantire che le materie plastiche vengano prodotte in modo sostenibile e gestite correttamente quando sono alla fine del loro ciclo di vita. Ciò implica che la raccolta, lo smistamento e il riciclaggio avvengano in modo efficiente ed economico.

La Commissione europea ha adottato la prima strategia europea per la plastica in un'economia circolare nel gennaio 2018, con l'obiettivo di trasformare il modo in cui le materie plastiche sono progettate, utilizzate, prodotte e riciclate nell'UE. L'Europa è in una posizione privilegiata per diventare un pioniere dell'economia verde e per compensare le esternalità negative del modello di produzione lineare.

Plastica biodegradabile o riciclabile?

Nonostante l'innovazione dei prodotti in plastica biodegradabili, la soluzione migliore risulta essere ancora il riciclaggio e il riutilizzo delle materie plastiche. La miscelazione delle materie plastiche tradizionali e biodegradabili nei flussi di rifiuti sta mettendo a repentaglio gli attuali sforzi per aumentare i tassi di riciclaggio della plastica. La biodegradazione implica che le risorse vengano utilizzate una sola volta e ciò sottolinea l'importanza di implementare schemi di raccolta separati per integrare con successo la plastica nell'economia circolare. Tipicamente, la biodegradazione si verifica quando i prodotti sono esposti a temperature elevate per un lungo periodo di tempo, il che significa che la biodegradazione ottimale di solito avviene in condizioni industriali. Una volta che le materie plastiche biodegradabili sono in discarica, questo processo viene automaticamente limitato a causa della mancanza di ossigeno. Negli ambienti marini, i prodotti biodegradabili reagiscono in modo molto diverso e, spesso, il loro degrado viene rallentato ulteriormente man mano che il processo si sviluppa in specifiche zone climatiche.

In un'economia circolare, i rifiuti di plastica possono essere catturati e reintrodotti nell'economia attraverso il riciclaggio. Nel frattempo, ridurre l'energia necessaria per produrre nuovi prodotti in plastica, grazie al riciclaggio di materiale vecchio, ci consente di risparmiare risorse di petrolio grezzo, con una conseguente riduzione sostanziale delle emissioni di CO2. La sostituzione di nuovo materiale con un sostituto riciclato può ridurre le emissioni fino all'80%.

Le sfide del settore che impediscono un approccio circolare alla plastica

La principale sfida dell'industria europea ruota attorno alla riprogettazione dei prodotti attualmente sul mercato, affinché siano pienamente compatibili con le tecnologie del riciclaggio. Plastics Recyclers Europe e l'Associazione dei riciclatori di materie plastiche hanno sviluppato una definizione globale che regola l'uso del termine "riciclabile" in relazione agli imballaggi e ai prodotti in plastica. Questa definizione è il primo passo per avere una comprensione comune nel settore di ciò che comporta la riciclabilità ed è fondamentale all'interno di un modello di economia circolare.

La definizione afferma che i prodotti in plastica devono soddisfare quattro condizioni per essere considerati riciclabili:

•    Il prodotto deve essere realizzato con una plastica che viene raccolta per il riciclaggio, ha un valore di mercato e/o è supportata da un programma legislativo obbligatorio.
   
•    Il prodotto deve essere ordinato e aggregato in flussi definiti per i processi di riciclaggio.
   
•    Il prodotto può essere lavorato e rigenerato/riciclato con processi di riciclaggio commerciale.
   
•    La plastica riciclata diventa una materia prima utilizzata nella produzione di nuovi prodotti.

Nonostante la definizione che stabilisce un approccio armonizzato, fornendo così una direzione generale per il settore da seguire, le prossime tappe coinvolgeranno lo sviluppo di protocolli di riciclaggio, in base al tipo di prodotti sul mercato. Questi protocolli saranno basati su test dettagliati che verificheranno l'impatto di un prodotto sulla qualità delle plastiche riciclate. L'intera procedura richiederà la cooperazione di tutto il settore, coinvolgendo diversi attori. Questo processo inizierà con produttori di materie prime, rivenditori, proprietari di marchi, società di gestione dei rifiuti, smistatori e centri di riciclaggio.

Le due associazioni hanno anche affermato che i materiali innovativi, come le bioplastiche, devono dimostrare che possono essere facilmente raccolti e ordinati in grandi quantità e devono essere compatibili con i processi di riciclaggio industriale esistenti.

Questo approccio comune alla riciclabilità della plastica dovrebbe essere approvato dall'industria ed è necessario per aumentare la quantità dei rifiuti raccolti e riciclati e per raggiungere l'obiettivo ultimo di migliorare la qualità del riciclaggio. Gli sforzi devono essere equamente distribuiti in tutti i settori, compresi i consumatori, gli Stati membri e le municipalità, se vogliamo avere pieno successo nella gestione efficace dei rifiuti per la plastica e renderli completamente circolari.

 

 

Nunzia Vallozzi

Ufficio Stampa Web - ESO

 

Fonte e photo credits: GOVERNMENT EUROPA

 

Torna all'elenco delle news

Eso contatti

  • Via Giuseppe Ungaretti 27
    | 20090 OPERA MI

  • T (+39)02.530.111 R.A.
    F (+39)02.530.11.209

  • info@eso.it

Numeri verdi

  • Assistenza tecnica
  • informazioni commerciali
  • Servizio prese

Dati fiscali

  • Società Benefit arl
    Capitale Sociale Euro 300.000,00

  • P.IVA IT 13288930152 - C.F. 13288930152
    R.E.A. 1636344

  • PEC info@pec.esoweb.it

Iscrizioni albo

  • Iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali
    Sezione Regione Lombardia - Iscrizione n° MI31797
    Iscritto all'Albo Nazionale per il Trasporto Conto Terzi
    Iscrizione n° MI-0884798-E.

Certificazioni

certificazione ido 9001 + 14001 certificazione 18001 + ohsas
certificazioni it