Eso Società Benefit Arl, società specializzata nella gestione rifiuti

Finanziamenti per l’economia circolare e agevolazioni fiscali sui prodotti derivanti dal riciclo

12/12/2019

shutterstock 565058149

Nuovi incentivi per i progetti di ricerca e sviluppo finalizzati alla riconversione dei processi produttivi e contributi per l’acquisto di semilavorati, prodotti e compost di qualità.

La legge 28 giugno 2019 n. 58 prevede finanziamenti agevolati e contributi a sostegno di progetti di ricerca  e  sviluppo per la riconversione dei processi  produttivi. La norma persegue l’obiettivo di favorire la transizione delle attività economiche verso un modello di  economia   circolare. Un successivo decreto del Ministero dello sviluppo  economico stabilirà i criteri, le condizioni e le procedure per la concessione e l’erogazione delle agevolazioni finanziarie a sostegno di progetti di ricerca e sviluppo finalizzati ad  un uso più efficiente e sostenibile delle risorse.

 

I progetti finanziabili

Le agevolazioni sono dirette alle imprese e ai centri di ricerca che operano in via prevalente nel settore manifatturiero oppure in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere. Le imprese e i centri di ricerca possono aggregarsi per presentare  progetti  congiunti ricorrendo a  contratti  di  rete   o   ad   altre   forme   contrattuali   di collaborazione.

I progetti di ricerca e sviluppo devono prevedere spese e costi ammissibili non inferiori a 500mila euro e non superiori  a  2 milioni di euro, avere una durata non inferiore a dodici mesi e non superiore a trentasei mesi ed essere finalizzati alla riconversione produttiva  delle  attività economiche attraverso la realizzazione di nuovi prodotti, processi  o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi  o  servizi esistenti.

 

Le priorità di intervento

Tra le priorità individuate dalla norma si segnalano le innovazioni di prodotto e di processo in  tema  di  utilizzo efficiente delle  risorse  e  di  trattamento  e  trasformazione  dei rifiuti, compreso il riuso dei materiali  in  un'ottica  di  economia circolare  o  a  «rifiuto  zero»  e  di   compatibilità   ambientale (innovazioni eco-compatibili) e la progettazione  e  sperimentazione  prototipale  di  modelli tecnologici integrati finalizzati al rafforzamento  dei  percorsi  di simbiosi industriale, attraverso, ad esempio, la  definizione  di  un approccio sistemico alla riduzione,  riciclo  e  riuso  degli  scarti alimentari, allo sviluppo di sistemi di ciclo integrato delle acque e al riciclo delle materie prime;

Prioritaria anche la ricerca in materia di sistemi, strumenti  e  metodologie  per  lo  sviluppo  delle tecnologie per la  fornitura,  l'uso  razionale  e  la  sanificazione dell'acqua e di strumenti tecnologici innovativi in grado  di  aumentare  il tempo di vita dei prodotti e di rendere più efficiente il ciclo produttivo.

Le agevolazioni sono previste anche per la sperimentazione di nuovi modelli di  packaging  intelligente (smart  packaging)  che  prevedano  anche  l'utilizzo  di   materiali recuperati.

 

Finanziamenti agevolati e contributi

Il sostegno economico alle attività di ricerca e sviluppo è concesso in forma di finanziamento agevolato per una percentuale  nominale  delle spese e dei costi ammissibili pari al 50 per cento o di contributo diretto alla spesa fino al  20  per  cento  delle spese e dei costi ammissibili. Le risorse finanziarie  disponibili  per  la  concessione  delle agevolazioni ammontano complessivamente a 140 milioni di euro. 

 

Agevolazioni fiscali sui prodotti da riciclo e riuso

Per l'anno 2020, è riconosciuto un contributo pari  al  25  per cento del costo di acquisto di:

    a) semilavorati e prodotti finiti derivanti, per almeno il 75 per cento della loro  composizione,  dal  riciclaggio  di  rifiuti  o  di rottami;

    b) compost di qualità derivante dal trattamento  della  frazione organica differenziata dei rifiuti.

Alle imprese  e  ai  soggetti  titolari  di  reddito  di  lavoro autonomo che acquistano questi beni il contributo di  è riconosciuto sotto forma di credito d'imposta, fino ad un  importo  massimo  annuale  di  10.000 euro per  ciascun beneficiario, nel limite complessivo di 10 milioni di euro per l'anno 2020. Il credito d'imposta spetta a condizione che i beni acquistati siano effettivamente   impiegati   nell'esercizio    dell'attività economica  o  professionale  e  non  è  cumulabile  con  il  credito d'imposta di cui all'articolo 1, comma 73, della  legge  30  dicembre 2018, n. 145.

Agli acquirenti dei beni indicati non  destinati all'esercizio dell'attività economica o professionale, il contributo di cui al medesimo comma 1 spetta fino a un importo  massimo  annuale di euro 5.000 per ciascun beneficiario, nel limite complessivo di  10 milioni di euro per l'anno 2020.  In questo caso il  contributo  è  anticipato  dal venditore dei beni come sconto sul prezzo di vendita ed è  a  questo rimborsato sotto forma di credito d'imposta.

Un decreto  del  Ministro  dell'ambiente  e  della  tutela  del territorio e del mare, di concerto con il  Ministro  dell'economia  e delle finanze e con il Ministro dello sviluppo economico, da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della  legge, dovrà definire i requisiti tecnici e le certificazioni idonee ad attestare la natura  e  le  tipologie  di materie e prodotti che potranno beneficiare dell’agevolazione e i  criteri  e  le modalità di applicazione dei crediti d'imposta.

 

Paolo Pipere

Esperto in diritto per l'Ambiente

 

Torna all'elenco delle news

Eso contatti

  • Via Giuseppe Ungaretti 27
    | 20090 OPERA MI

  • T (+39)02.530.111 R.A.
    F (+39)02.530.11.209

  • info@eso.it

Numeri verdi

  • Assistenza tecnica
  • informazioni commerciali
  • Servizio prese

Dati fiscali

  • Società Benefit arl
    Capitale Sociale Euro 300.000,00

  • P.IVA IT 13288930152 - C.F. 13288930152
    R.E.A. 1636344

  • PEC info@pec.esoweb.it

Iscrizioni albo

  • Iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali
    Sezione Regione Lombardia - Iscrizione n° MI31797
    Iscritto all'Albo Nazionale per il Trasporto Conto Terzi
    Iscrizione n° MI-0884798-E.

Certificazioni

certificazione ido 9001 + 14001 certificazione 18001 + ohsas
certificazioni it